Castelfranco, Gargano proposta di candidato sindaco per il Pd

Condividi su i tuoi canali:

None

Castelfranco, Gargano proposta di candidato sindaco per il Pd

L’Assemblea del Pd di Castelfranco Emilia si è riunita questa mattina presso la sede Pd

 

 

Giovanni Gargano, attuale assessore nella Giunta Reggianini, è il nome che il Partito democratico di Castelfranco Emilia mette a disposizione della futura coalizione di centrosinistra come proposta di candidato sindaco alle elezioni amministrative di primavera. Ecco la nota del Pd di Castelfranco Emilia:

 

 

Nella mattinata di sabato 12 gennaio si è riunita a Castelfranco Emilia l’Assemblea comunale del Partito democratico. La riunione avviene alla fine di un percorso di ascolto e confronto interno ed esterno al partito teso a individuare la figura migliore da proporre alla futura coalizione di centrosinistra in vista delle elezioni amministrative di primavera. Com’è noto, infatti, il sindaco Reggianini è al suo secondo mandato e non è più candidabile. L’Assemblea Pd, all’unanimità, ha votato Giovanni Gargano, attuale assessore della Giunta Reggianini, come candidato al ruolo di sindaco. “Già da domani – commenta il segretario del Partito democratico di Castelfranco Emilia Matteo Silvestri – come segretario del partito lavorerò per costruire una coalizione il più possibile larga e plurale, aperta ai partiti, alle associazioni e a tutti i soggetti e cittadini che si riconoscono nei valori di un centrosinistra democratico e inclusivo per costruire una coalizione in grado di continuare a governare Castelfranco Emilia avendo come primario obiettivo il bene della comunità tutta”.

________________________________________________________

 

 

gargano.jpg (152 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per