Casina, agevolazioni Tari a sostegno di famiglie, imprese ed associazioni

Condividi su i tuoi canali:

None

“Nell’anno che vuole segnare la ripartenza economica anche in Appennino è importante come amministrazione dare un segno tangibile di fiducia e aiuto a imprese e famiglie, ma anche associazioni. Ecco perché abbiamo scelto di confermare riduzioni della Tari e agevolazioni”. Parole di Stefano Costi, sindaco di Casina che così commenta l’approvazione delle tariffe della Tassa dei rifuti (Tari), avvenuta in consiglio comunale.
“Per l’anno 2021 il Comune di Casina – prosegue il sindaco – , ha confermato nel Regolamento alcune agevolazioni già presenti in passato, quali la riduzione del 20% sulla quota variabile per chi svolge il compostaggio domestico, quella del 50% per esercizi commerciali e bar delle frazioni, del 50% per le aree scoperte operative, del 70% per le distese di bar/ristoranti e del 70% per gli enti senza fini di lucro e le parrocchie. Per il solo anno 2021 sono, inoltre, state introdotte importanti agevolazioni sia sulle utenze domestiche che non domestiche, per un importo stimato in 96.400 euro, finanziate in parte da contributi statali specifici legati all’emergenza covid-19 e in parte con risorse proprie del bilancio 2021”.
Gli uffici del settore econmico finanziario spiegano come per la prima volta per le famiglie casinesi è prevista una riduzione che tiene conto della situazione economica della famiglia fotografata dall’Isee. Per i nuclei con Isee inferiore a 8.265 euro c’è l’esenzione completa dal pagamento della quota variabile. Per quelli con Isee fra i 8.265 euro e i 12.500 euro la riduzione della quota variabile è del 50%. Questa specifica agevolazione va richiesta da chi ne ha diritto presentando apposita istanza all’ufficio entrate del Comune di Casina. Il modulo è reperibile sul sito internet istituzionale oppure contattando gli uffici preferibilmente via email a entrate@comune.casina.re.it oppure telefonando al 0522 604707 o 0522 604706. L’agevolazione, a seconda della tempistica di invio della richiesta, verrà applicata sull’avviso Tari 2021 oppure retroattivamente su quello che sarà emesso nel prossimo anno. Le altre agevolazioni previste dalla delibera Tari 2021 non richiedono domande specifiche da parte del contribuente e saranno applicate d’ufficio. Per le utenze domestiche è prevista una riduzione sulla quota variabile del 15% per le famiglie con 4 componenti, del 30% per quelle con 5 componenti, del 45% per quelle con 6 o più componenti. Infine ampie le agevolazioni, anche in questo caso applicate d’ufficio, per le utenze non domestiche (imprese, enti, associazioni).
La riduzione più elevata, pari al 100% della quota variabile, riguarda le utenze classificate nelle categorie di associazioni, scuole, ristoranti (e discoteche). Una riduzione del 50% sulla quota variabile, invece, riguarda gli alberghi, i bar, i parrucchieri e gli estetisti. Infine la riduzione del 25% verrà applicata a esposizioni, negozi vari non alimentari e autofficine. L’invio degli avvisi di pagamento Tari è previsto nelle prime settimane di settembre.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione