Case riposo, Pd Madonnina “Candidiamo la nostra zona a ospitarne una”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota del Circolo Pd Madonnina sulla decisione di realizzare due nuove strutture cittadine

 

Il Circolo Pd Madonnina candida l’area del quartiere per ospitare una delle due nuove case per anziani che il Comune dovrebbe realizzare per dare risposte alla domanda crescente. In zona Madonnina, infatti, manca una struttura di questo tipo. Ecco la nota del Pd Madonnina:

 

“Il progressivo invecchiamento della popolazione coinvolge una fascia di persone sempre più ampia e incide sulla vita quotidiana di tante famiglie: accogliamo, quindi, con favore la notizia che l’Amministrazione cittadina sta ponendo le basi per la realizzazione di due nuove strutture di accoglienza per anziani. Prendersi cura di una parte così consistente – e spesso debole – della popolazione è sintomo di una attenzione e di una sensibilità sociale che non può non vederci favorevoli. Anche alla Madonnina, in linea con gli andamenti cittadini, il numero degli anziani è in netta crescita e quello delle famiglie che se ne devono prendere cura va di pari passo. Di conseguenza, proponiamo di realizzare una delle due strutture nel nostro territorio. Le possibilità non mancano: i nuovi attraversamenti pedonali, la raggiungibilità a piedi dei luoghi di aggregazione (parrocchia, polisportiva, centri sociali, biblioteca di quartiere, scuole…), la vicinanza con i due parchi di Via d’Avia e Ferrari, i nuovi negozi raggiungibili a piedi, garantiscono la possibilità di individuare aree di realizzazione. Il nostro territorio, tra l’altro, offre una duplice possibilità di insediamento per una residenza per anziani: aree produttive dismesse e certamente da riqualificare e aree pubbliche di piano predisposte ad accogliere strutture sociali. Nell’interessante dibattito sul consumo di suolo non vorremmo rimanesse schiacciata strumentalmente questa possibile iniziativa sul nostro territorio tanto bisognoso e tanto attrattivo nel merito. Ci rendiamo conto, infatti, che l’ipotesi riqualificazione di un’area dismessa potrebbe comportare un allungamento dei tempi e un costo quantificabile in milioni di euro. Chiediamo, perciò, nel caso, alla Amministrazione di muoversi secondo una logica di “Valore Ambientale Positivo” e di prevedere, da subito, una eventuale compensazione in termini di aree verdi nel caso risultasse impraticabile la prima opzione. Non vorremmo, insomma, una bocciatura aprioristica del progetto che si rivelerebbe per il quartiere un vero e proprio atto di autolesionismo. Insomma, la nostra proposta prova a tenere insieme cura degli anziani, attenzione alle famiglie più in difficoltà e valore ambientale positivo: il Pd della Madonnina caldeggia la realizzazione di strutture di cui il quartiere ha estremamente bisogno, nel rispetto di questi valori”.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati