CASA DI FAUSTA, FIRMATO ROGITO PER LA CONCESSIONE DELL’AREA

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

L’atto, siglato martedì 3 marzo, definisce il trasferimento della proprietà da Provincia a Comune e la cessione in diritto di superficie per 40 anni all’Aseop

È stato firmato questa mattina, martedì 3 marzo, il rogito tra Comune, Provincia e Aseop (Associazione per il sostegno dell’ematologia e oncologia pediatrica) per il trasferimento della proprietà dell’area di via Campi, pari a 1158 metri quadrati, a  fianco dell’ingresso del Pronto soccorso del Policlinico di Modena, dove verrà realizzata “La Casa di Fausta”, una palazzina di 12-15 appartamenti destinati a dare ospitalità a bambini affetti da tumore o da altre patologie, che necessitano di cure di lungo periodo, e alle loro famiglie.

“Con l’atto siglato – afferma l’assessore al Patrimonio del Comune di Modena Gabriele Giacobazzi – arriva a conclusione il percorso per il trasferimento di proprietà dell’area da Provincia a Comune e per la concessione in diritto di superficie per 40 anni dal Comune all’associazione onlus Aseop, con il vincolo di realizzarvi la propria sede e alloggi temporanei per piccoli pazienti e famiglie. Potranno così finalmente partire i lavori per la realizzazione di una struttura di estrema rilevanza sociale, con la quale l’Aseop mira a offrire un ulteriore sostegno, in termini di accoglienza e accompagnamento, ai bambini malati e alle loro famiglie, che devono affrontare disagi e sofferenze elevati”.

La Casa di Fausta, dal nome del primario del Reparto di Oncoematologia pediatrica del Policlinico, Fausta Massolo, negli anni in cui Aseop iniziò la propria attività di volontariato, sarà realizzata con fondi che sta raccogliendo la stessa associazione.

Per la costruzione della struttura di accoglienza, è stato stipulato un accordo tra Comune, Provincia, Aseop, Acer e Policlinico, recepito con voto unanime dal Consiglio comunale lo scorso settembre, che ha portato a una complessa operazione patrimoniale. A novembre l’Aula aveva dato il via libera all’unanimità a un’ulteriore delibera per la concessione del permesso di costruire nell’area in deroga agli strumenti urbanistici comunali. L’area di via Campi era inizialmente stata destinata ad Acer, per questo l’Amministrazione ha ceduto a titolo compensativo all’Agenzia un’area comunale in via dello Zodiaco, confinante con una di proprietà provinciale, dove l’Agenzia costruirà alloggi di Edilizia residenziale pubblica.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12