Call center Hera

Condividi su i tuoi canali:

None
Al sig. Lamandini responsabile ambiente Terre dei Castelli
Anche HERA, con il suo comunicato inerente la Smart Area, ha scelto di adottare un comportamento illegale per quanto riguarda l’uso dei numeri verdi o gratuti.
Infatti, e non si sa per quale ragione e chi lo abbia deciso, da tempo alcuni enti/ditte/banche che istituiscono
numeri verdi concedono la gratutia’ ai telefoni fissi e non ai telefoni cellulari. Altri danno gratuito a tutti.
Personalmente ho gia’ protestato in passato, ma piu’ di qualche pubblicazione nella rubrica “”lettere al direttore””
di qualche quotidiano, non ho ottenuto. Fino a che questa cosa non andra’ sott’occhio a qualcuno che conta, alcuni
pagheranno e altri no per la stessa cosa.
Chi pensa che l’uso del cellulare denoti un reddito superiore di chi usa un fisso a prescindere e’ lontano dal vero.
In genere si adotta il cellulare per togliersi di dosso le onerose e fisse spese di abbonamento disdicendo poi il fisso. E comunque,
per quanto riguarda la capacita’ reddituale e impositiva dei cittadini, hanno gia’ inventato le dichiarazioni dei redditi e nel
dubbio si puo’ sempre richiedere l’intervento della Guardia di Finanza…
Nel caso poi di chiamate verso il call center HERA fatte da cittadini per rimuovere un ingombrante abbandonato o richiedere il prelievo (credo gia’ pagate abbondantemente con la TARSU e in attesa dell’aumento con l’incombente TARES)far pagare chi chiama con il cellulare e’ demenziale.
Per farla corta, richiedo ai sindaci in indirizzo e al sig. Lamandini responsabile ambiente delle T.d.C. di intervenire presso HERA per la gratutia’ per tutti i cittadini, anche quelli che usano i segnali di fumo…Penso che il sig. Lamandini, presente
come “”propagandista”” della Smart Area nell’assemblea a Zocca non abbia notato o non sapesse di questa cosa. HERA si e’ meritata ancora una volta il soprannome di “”Multi-inutilty”” e nel caso Zocca non solo inutile ma molto
dannosa dato che e’ corresponsabilita’ HERA (all’80%) con il comune la mancata apertura dell’isola ecologica esistente
nel comune. Ed e’ solo responsabilita’ HERA aver fatto un accordo per gestire la discarica di Roncobotto e, a disagio ambientale
gia’ causato, averne abbandonato l’uso per lucrare qualche centesimo in meno nella discarica di Finale Emilia…
Per quanto mi riguarda, dato che si avvicina la prima rata TARSU, se non cambia niente conteggero’ le spese telefoniche per il call center in aggiunta al 20% di autoriduzione che mi applico dal 2010 a causa della mancanza dell’isola ecologica comunale.
E ogni volta rimango stupefatto nel constatare che sono l’unico a farlo in tutto il comune…e poi dicono che e’ pieno di evasori…
 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione