Calderoli è stato certamente criticato da Fini, a mio avviso a ragion veduta

Condividi su i tuoi canali:

Proprio per la loro appartenenza alla stessa coalizione abbiamo formulato le stesse domande a Bruno Rinaldi di AN e a Mauro Manfredini della Lega Nord sui temi di forte attualità. Queste le risposte date

Sig. Rinaldi, l’on. Calderoli è stato criticato dal  vice Premier Gianfranco Fini a sua volta criticato dalla lega. Lei quale posizione condivide e perché?.

 

E’ necessario fare un po’ di chiarezza, l’ex ministro Calderoli è stato certamente criticato da Fini, a mio avviso a ragion veduta, ma tale giudizio è stato anche espresso da tutto il resto del Governo e naturalmente,figuriamoci, anche dall’opposizione, le motivazioni alla base della critica sono ovviamente relative all’inopportunità di un atto del genere (Maglietta con vignetta) da parte di un ministro della Repubblica in un momento cosi delicato.

Dall’altra Fini ha evidenziato un nesso tra l’accaduto e i drammatici fatti libici, non mi pare abbia detto una cosa fuori dal mondo, è evidente allo stesso tempo la ferma condanna dell’estremismo islamico mai mancata da parte di tutto il Governo, Fini compreso.

 

La agenzie di stampa in queste ore raccontano di massacri in essere tra musulmani e cattolici in    Nigeria. Lei ritiene che a breve dovremo assistere a tutto questo anche in Europa?


Non credo che in Europa si possa arrivare a veri e propri massacri generalizzati come purtroppo sono accaduti in Nigeria, ma certamente è sotto gli occhi di tutti che mentre parte del mondo islamico cerca per davvero il colloquio costruttivo volto ad una maggiore integrazione tra i popoli, un’altra parte di esso, certamente minoritaria, non è armata di cosi buone intenzioni e sinceramente tutto ciò mi preoccupa, spero che la ragionevolezza e il rispetto degli altri sia la linea di condotta per tutti quanti.

 

Dietro il fanatismo islamico c’è un disegno e una regia superiore? Oppure è figlio della povertà o della troppa ignoranza della gente?

 

Il fanatismo credo sia sempre frutto dell’ignoranza che a sua volta molto spesso è frutto della povertà, contestualmente ci sono certamente registi superiori che non sono affatto poveri e non sono affatto ignoranti, che in modo scientifico e metodico sfruttano queste masse, fatte da povera gente, per i loro interessi politici degeneri e deliranti.

La storia ci insegna che chiunque vada contro i valori fondamentali dell’uomo, prima o poi, è destinato alla sconfitta e all’isolamento.

 

Quali di quelle ipotesi da Lei ora esaminate ispirano la linea della attuale  politica estera italiana.?

 

La politica estera Italiana è sempre stata ispirata dalla ragionevolezza e dalle regole della buona convivenza, non a caso l’Italia ha sempre avuto ottimi rapporti con il mondo mediorientale, che non ha mai considerato come una realtà da rifuggire, ma al contrario una grande ed importante opportunità culturale e commerciale da sostenere e conoscere ulteriormente.

L’attuale linea dettata dal ministro Fini va certamente in questa direzione, inoltre tale politica così ragionata ed equilibrata  è apprezzata da larghissima parte del popolo italiano, perfino anche da molti elettori del centrosinistra.

 

 

Il centro  sinistra vi accusa di strumentalizzare la religione cristiana  per ragioni elettorali. Lei cosa risponde?

 

Il rispetto della tradizione e delle radici cristiane è sempre stato un concetto della destra politica, quindi è del tutto evidente che facendo politica certi valori e certi aspetti filosofici emergano in modo netto, tutto ciò non può di certo essere definito strumentalizzazione.

Tale sospetto sarebbe opportuno indirizzarlo alla sinistra che è sempre stata laica e spesso perfino anticlericale, ultimamente ha avuto fiammate di religiosità alquanto sospette, anche se da cattolico vedo sempre con estremo piacere la pecorella smarrita che torna all’ovile, ma nel contempo è meglio accertarsi che essa non sia accompagnata dal lupo

 

Le radici cristiane dell’Europa:La Casa delle Libertà su questo tema la pensa allo stesso modo ? Non c’è una differenza tra la visione storica culturale e politica dei Cristiani Protestanti del nord Europa e quella dei Cattolici di Santa Romana
Chiesa

 

Per quello che attiene strettamente alle radici cristiane  certamente la casa delle libertà la pensa allo stesso modo, non nascondo che in merito all’entrata della Turchia in Europa ci sono delle differenze di opinione a tutti note.

Alleanza Nazionale non mi piace definirla vicino a forme di religiosità di qualsiasi tipo, semplicemente i valori cristiani fanno parte del nostro bagaglio culturale, come d’altronde ne fanno parte i valori  laici dello stato e della nazione che la nostra gente ha sempre difeso anche quando essere Italiani, per l’Italia e cantare l’Inno Nazionale era visto da talune formazioni politiche con sospetto e circospezione.

 

 Aumentano i casi di violenza sulle donne e i matrimoni misti. Esiste qualche correlazione tra i due fenomeni?

 

Non intravedo l’immediata correlazione. C’è da registrare un aumento della violenza alle donne che è un fenomeno odioso che finalmente le vittime ora hanno il coraggio di denunciare rispetto ad un ieri che , per diverse motivazioni, subivano in silenzio.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle