Calamità: “Chiediamo al Governo il DL Modena”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

I deputati Baruffi e Ghizzoni e il senatore Vaccari si fanno portavoce dei territori colpiti

 

 

Questa settimana il Consiglio dei ministri si è concentrato sul Def, la richiesta è che la prossima riunione sia quella utile per varare il cosiddetto decreto legge Modena che dovrà contenere i provvedimenti attesi nelle zone colpite dal sisma prima e dall’alluvione poi. Ecco la dichiarazione dei parlamentari modenesi Davide Baruffi, Manuela Ghizzoni e Stefano Vaccari:

 

 

«Questa settimana il Consiglio dei ministri si è concentrato sul varo del Def, il documento di economia e finanza, la nostra richiesta è che la prima riunione utile della prossima settimana sia quella che finalmente licenzierà il cosiddetto decreto legge Modena, il provvedimento che dovrà contenere le norme che riconoscono la specificità di un territorio colpito, a breve distanza, dal terremoto e dall’alluvione. L’Esecutivo si è preso questo impegno, lo ha dichiarato in Aula, ha accolto l’ordine del giorno sottoscritto da Manuela Ghizzoni e il Parlamento ha approvato la mozione presentata da Davide Baruffi. I punti principali che dovranno avere risposte certe sono quelli espressi dai territori colpiti e di cui, ancora una volta, ci facciamo portavoce, in particolare il risarcimento al 100% di chi ha subito danni e l’istituzione della zona franca urbana. Chiediamo al Governo di fare presto, siamo fiduciosi che un’area purtroppo colpita da più calamità naturali avrà risposte celeri e adeguate alle richieste. Noi non desistiamo e continueremo a vigilare in tal senso»

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo