Caccia. Piano faunistico-venatorio regionale in Aula per l’approvazione a inizio novembre

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

L’assessore Caselli in Commissione politiche economiche apre alla possibilità di revisione della legge regionale sulla caccia mettendo due paletti: “”Modifiche chiare e su punti specifici””
 

Il Piano faunistico-venatorio regionale arriverà in Aula all’inizio di novembre. Questo è quanto emerge dalla commissione Politiche economiche (presieduta da Luciana Serri) dove oggi si è aperta la discussione generale sull’argomento e dove la maggioranza ha indicato il proprio relatore: Mirco Bagnari del Partito democratico. Le tappe di avvicinamento all’approvazione in Assemblea legislativa del Piano, che ha durata quinquennale, dal 2018 al 2023, prevedono un secondo momento di confronto (oltre a quello andato in scena oggi) in cui verranno anche presentati, discussi e votati gli emendamenti al documento.

“”Prima di arrivare in Aula- ha spiegato Bagnari- approfondiremo le osservazioni emerse dopo l’udienza conoscitiva e ci confronteremo sulle proposte di modifica. La gestazione di questo Piano è stata lunga ma è opportuno prenderci ancora qualche momento per ragionare””.

Massimiliano Pompingoli della Lega nord (relatore di opposizione in pectore), nel suo intervento ha voluto porre l’accento sulla “”gestione del problema cinghiali”” ma anche sulla necessità di arrivare alla revisione della legge regionale sulla caccia: “”Penso che definire il Piano faunistico regionale senza aver revisionato la legge sia sbagliato””.

Giulia Gibertoni del Movimento 5 stelle ha chiesto conto del “”costo ambientale del piombo”” ma anche del peso che “”la caccia ha sui contribuenti visto che i cacciatori rappresentano solo l’1 per cento della popolazione””. Cras (Centri recupero animali selvatici) e ibridi lupo-cani sono gli altri argomenti toccati dalla pentastellata: per i primi ha chiesto “”presidi meno distanti dalla montagna””, per i secondi ha invece plaudito all’assessore per il metodo con cui si catturano e si sterilizzano gli esemplari: “”il fatto che non vengano uccisi è un’ottima notizia ed è un bene che vengano individuati e poi sterilizzati””.

Durante la stessa Commissione l’assessore Caselli ha anche aperto alla possibilità di modificare la legge regionale che regolamenta la caccia sempre che “”la proposta di modifica sia concentrata su pochi punti e sia molto chiara””. Anche perché, ha voluto specificare rispondendo a una sollecitazione di Pompignoli, la “”revisione degli Atc è possibile con un atto amministrativo e non serve quindi la modifica della norma””.

(Andrea Perini)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...