“”BUSINESS DELLA ACCOGLIENZA, MEROLA SE VUOLE PUO’ USARE I SUOI SOLDI, NON QUELLI DEI BOLOGNESI””

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

 

“”Né Merola né altri sindaci possono usare i denari dei cittadini per valutazioni ideologiche proprie e legate a una battaglia politica contro le forze che sorreggono il Governo: se ha denari disponibili li usi per abbassare le tasse e le tariffe ai Bolognesi. I soldi dei cittadini vanno usati per i cittadini, se il sindaco Merola vuole sopperire ai tagli del Governo al business della accoglienza usi il suo stipendio””. Il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli si scaglia contro l’annuncio del sindaco di Bologna, intenzionato a ricorrere alle risorse dell’amministrazione bolognese per compensare i tagli da 35 a 23 euro al giorno concessi alle Prefetture per l’accoglienza degli immigrati. 

“”E’ inaccettabile una presa di posizione simile, del tutto strumentale ad attaccare il Governo – continua Andrea Galli -. Merola non si rende nemmeno conto che sta proponendo di aiutare le cooperative che gestiscono gli immigrati usando i soldi dei Bolognesi che lo hanno eletto. Speriamo il sindaco si ravveda e smentisca le sue parole. Se non prevarrà il buon senso queste assurde dichiarazioni siamo certi verranno cancellate dalla Corte dei Conti””.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12