Bravo Beppe! Meglio se tu fossi un nostrano“Iusfatt”

Condividi su i tuoi canali:

Sviluppo sostenibile assieme alle risorse disponibili sono considerate astratte affermazioni per gli amanti del politichese. Eppure anche i modenesi, quanto prima, dovranno parlarne senza aspettare le salaci sferzate di Beppe Grillo.

Le polemiche scoppiate tra il sindaco di Soragni e i Ds, accusati di affarismo in una lettera pubblicata sul blog di Beppe Grillo ha portato proprio il comico-denunciante genovese ad intervenire sulla vicenda. E Grillo non le manda a dire, rincarando la dose sui Ds e accusando l’intera classe dirigente di avere idee retrograde.

Questo il commento scritto da Grillo sul suo blog: “”I Ds sono diventati la “ricca signora che fu contadina, benessere, ville, gioielli e salami in vetrina”(*). Fanno inceneritori, parcheggi, Tac e depositi sotterranei di gas. E si credono industriali. Quelli del lavoro, lavoro, lavoro… I democristiani e i socialisti magari rubavano, ma avevano una strategia del consenso. Oggi in Emilia le persone fanno le omelie nella notte di Natale per chiedere aiuto al Signore… Il perchè scopritelo leggendo la lettera di Raimondo Soragni, sindaco di Finale Emilia. Un vero ‘Ds Horror Picture Show’””. “Ed è qui che bisogna stare attenti. la gente onesta, quella che tutte le mattine va a lavorare, i maestri di scuola, gli impiegati, tutti quanti si sono veramente rotti le scatole. E quando si arrabbia la gente onesta bisogna stare attenti, significa che siamo veramente all’ultima spiaggia”.

Stavo parlottando di queste amenità con un imprenditore modenese, affermato, sguardo vispo, amante della sintesi, al quale ho chiesto:

Anche Lei è arrabbiato?

 

Si, anch’io ho le scatole rotte di una città che per cantarle deve far ricorso ad un comico, se pur brillante. Poi quello che più è insopportabile è questo suo lamentarsi , anche forte, ma solo se lontani da casa .In questo caso poi applaudire  il simpatico Beppe Grillo comico genovese che critica i governati di Modena ossia una voce che con Modena ‘ sotto il profilo operativo non ci azzecca un fico secco e farlo apparire come paladino dei modenesi senza voce mi pare il massimo del ridicolo.

 

Cosa vuol dire che i modenesi non hanno grinta da far valere?

 

Mi risulta che sono scesi numerosi a Roma per dare una spallata al governo Prodi. In quanti coraggiosi sono mai andati sotto le finestre della giunta Pighi ? Forse temono con la loro rabbia di fargli troppo solletico

 

Forse sono stanchi di questo immobilismo politico, oppure sono divenuti degli indolenti?

 

Probabilmente c’è una parte della città che è stanca di sentire la propria voce che ripete sempre le stesse  cose cioè il nulla.

Sono anni che non si sente un progetto alternativo, un qualcosa di credibile, una speranza che non sia sempre il lamento classico dell’opposizione…. Silenzio, solo silenzio e sempre silenzio

 

Quale argomento secondo lei oggi viene colpevolmente trascurato?

 

Vorrei sentire parlare di sviluppo sostenibile e anche di risorse disponibili.

Sarebbero oramai giunti i giorni di chiederci se riusciremo a mantenere efficiente e a poco prezzo tutto quello che in tutto questo tempo abbiamo chiesto,voluto, realizzato, consumato e sperperato. Mi riferisco sia alle risorse naturali che a quelle umane, alle opere e alle conquiste umane.

Temo che l’affare pensioni non ci abbia insegnato nulla. Fino a vent’anni fa eravamo convinti che fosse possibile, senza creare danni, andare in pensione anche a quaranta anni. Oggi non siamo più sicuri se ci riusciremo ad andarci a settanta. Così come non credo sia diffusa la convinzione che mantenere efficienti servizi, strade, ferrovie costerà molto denaro che bisognerà reperire. Vedo piuttosto semplificazioni preoccupanti che non capisco dove possano portare. C’è qualcuno che crede veramente che votando in una certa direzione i servizi migliorano, vengano ampliati e come finale pagheremo meno tasse. Di questi propagandisti di una economia miracolista  sono terrorizzato.

Per farla breve ho l’impressione di essere a bordo di  un transatlantico guidato da un noleggiatore di pedalò.

 

Le risorse disponibili invece per lei cosa sono?

 

Sono la necessità di valorizzare tutte le energie positive sul territorio perché siamo a secco di carburante. Probabilmente la classe politica Modenese nel suo complesso ha bisogno di un salutare ricambio o di rimpiazzi. O di questo se ne fanno carico altri modenesi  mettendo a disposizione le loro risorse e capacità o , senza fare il catastrofista, c’è da essere molto preoccupati. C’è un esigenza di valorizzare l’esistente: quel grande uomo che scoprì la penicillina non andava bene se fosse stato mandato in una sala operatoria a fare trapianti di cuore.

Questo disguido lo vedo invece in essere negli organigrammi della politica. Non serve e non è giusto parlarne male : gli attuali politici vanno meglio utilizzati e rimpiazzati dove è necessario anche se sappiamo bene che la riserva non è seduta in panchina..

E’ venuto il momento che i molti modenesi capaci scendano in prima linea perché soffermarsi ad applaudire Beppe Grillo non basta più , sapendo anche che non ci dice nulla di nuovo ma questioni  che noi conoscevamo già.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Razzismo, vittimismo, protagonismo

Così come nulla impedisce al sole di sorgere, nulla impedisce che a febbraio  si  rinnovi l’appuntamento  con il  Festival di Sanremo. Soltanto un extraterrestre potrebbe

Acutil

Ricordo che mia madre mi faceva assumere questo medicinale, citato nel titolo, durante il periodo scolastico (ai miei tempi non si chiamava integratore) per favorire