Bortolamasi “Decisione scellerata, ecco i frutti del governo gialloverde”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Nota del segretario cittadino di Modena e consigliere comunale Pd Andrea Bortolamasi

 

In sede di conversione in legge del Decreto Milleproroghe, il governo Salvini-Di Maio ha congelato per due anni il Piano periferie voluto dai governi Renzi e Gentiloni che avrebbe dovuto portare a Modena-città ben 18 milioni di euro per il recupero della fascia ferroviaria e della zona a nord. “Gli Enti Locali, pagano la campagna elettorale permanente, con progetti già appaltati che rischiano di saltare – commenta il segretario cittadino del Pd Andrea Bortolamasi – La politica del risentimento, sta dando i primi frutti, amari”. Ecco la dichiarazione di Andrea Bortolamasi:

 

 

“Quando, nella loro campagna elettorale permanente in vista delle Amministrative, vi parleranno di sicurezza, periferie, rigenerazione, sappiate che i 18 milioni di euro, già previsti dai Governi di centrosinistra, che sarebbero serviti al recupero della fascia ferroviaria e della zona a nord di Modena sono stati messi in forse da loro stessi. Mentre Salvini e Di Maio continuano a urlare di sicurezza e qualità del vivere, Modena potrebbe essere costretta a rinunciare a un piano di recupero di un’ampia zona periferica, il cui progetto, per valore intrinseco e carica innovativa, si era classificato al sesto posto a livello nazionale. Il piano è già stato presentato a Palazzo Chigi, la convenzione con la Presidenza del Consiglio già firmata: siamo, quindi, in una fase progettuale avanzata. La filosofia sottostante è quella della “sicurezza urbana” intesa in senso largo: non solo come aspetto securitario, ma soprattutto di riqualificazione. L’obiettivo è quello di ricucire l’area della fascia ferroviaria con il resto della città: in quell’area, secondo il piano messo a punto dall’Amministrazione comunale di Modena, avrebbero dovuto nascere – solo per citare i progetti più attesi – un centro disabili, strutture in housing sociale, una scuola innovativa, il data center territoriale, una casa della salute e un centro di medicina sportiva all’R-Nord. Uso il condizionale perché la manovra del Governo gialloverde, che solo in apparenza sembra snellire i vincoli d’azione degli Enti locali, rischia di paralizzare, di fatto, tutte quelle Amministrazioni che avevano progettato miglioramenti concreti nelle aree più difficili del proprio territorio. Cosa diranno adesso i sindaci 5stelle e della Lega? Il prezzo da pagare, per interi territori, sarà altissimo: la politica del risentimento, sta dando i primi frutti, amari”.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo