Borghi d’Autore

Condividi su i tuoi canali:

Un  viaggio fra alcuni dei borghi più suggestivi del territorio che si racconteranno attraverso la propria storia, cultura e tradizione aprendo i propri palazzi, giardini, luoghi anche meno conosciuti per accogliere il visitatore e accompagnarlo in questa esperienza come protagonista.

 

Grande successo negli ultimi due fine settimana per la rassegna “”Borghi d’Autore””.

In cartellone, per la manifestazione organizzata dall’associazione Eidos di Vignola, con il patrocinio dei comuni aderenti, provincia di Modena e Regione Emilia Romagna, oltre 50 eventi, tra cui incontri, conversazioni, passeggiate itineranti, reading letterari e laboratori per bambini, distribuiti in ben sette comuni del territorio modenese.

Domenica scorsa Serramazzoni (con la frazione di Monfestino completamente dedicata ad attività per bambini), e Fanano; sabato 8, nonostante il tempo inclemente, tanti sono intervenuti a Savignano sul Panaro per la notte buia, come domenica 9 a Castelvetro di Modena.

Ma Borghi d’Autore non finisce qui.

Appuntamento domenica 16 ottobre a Montefiorino, dove il tema trattato sarà “”memoria e identità”” e a Fiorano, dove per “”le ville d’incanto”” verranno aperte residenze storiche da tempo chiuse al pubblico.

Gran finale domenica 23 ottobre a Vignola per “”la buona terra””.

Per dettagli sugli eventi e come partecipare visitate la pagina facebook.com/borghidautore; mail info@associazioneidos.net. Tutti gli eventi sono gratuiti (eccetto diversa indicazione)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo