Bilancio. Boschini (Pd): “Buona la capacità dell’ente di avvicinarsi alle previsioni su entrate e su spese”

Condividi su i tuoi canali:

None
Bilancio. Boschini (Pd): “Buona la capacità dell’ente di avvicinarsi alle previsioni su entrate e su spese”

Il provvedimento ha ottenuto parere positivo dalla commissione Parità con il sì di Pd, Si e Misto-Mdp, voto d’astensione invece per Fi, contraria la Ln
 

“Buona la capacità dell’ente di avvicinarsi alle previsioni su entrate e su spese”. Sul rendiconto della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2017 è intervenuto in commissione per la Parità e per i diritti delle persone, presieduta da Roberta Mori, il relatore Giuseppe Boschini (Pd).

Il provvedimento ha ottenuto parere positivo dalla commissione con il sì di PdSi Misto-Mdp, voto d’astensione invece per Fi, contraria la Ln.

Boschini ha poi spiegato che le riscossioni sono arrivate a oltre 11 miliardi di euro, circa l’84 per cento del totale, le entrate accertate corrispondevano a oltre 13 miliardi di euro. Su un totale generale di previsioni definitive per spese di competenza di 16,7 miliardi di euro, il totale degli impegni è stato di 13 miliardi (corrispondente a circa il 78 per cento delle previsioni). Inoltre, nel corso dell’esercizio 2017 sulla gestione di competenza sono stati effettuati pagamenti per 10,8 miliardi di euro (corrispondenti all’83 per cento delle somme impegnate). “Considerando la popolazione residente nel 2017- ha concluso il consigliere- la spesa regionale pro capite corrisponde a 2.418 euro (2.308 euro per spese correnti come, ad esempio, servizi e sanità)”.

(Cristian Casali)

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo