Bici, registrate la targa, é un antidoto contro i furti

Condividi su i tuoi canali:

None

L’assessore alla Mobilità Daniele Sitta invita a segnalare i mezzi al Registro italiano. A Modena gli “smemorati” sono 3 mila 750 su oltre 12 mila. Le targhe 2009 scadono a giugno

 

Un modenese su tre, pur possedendo il kit BiciSicura, non ha segnalato il mezzo al Registro italiano e, di conseguenza, sulle oltre 12 mila targhe distribuite in città, solo 8 mila 310 sono state attivate. Per le altre 3750, così come per tutte quelle sprovviste di kit, il rischio è che la bici risulti più appetibile ai ladri e che, in caso di furto e ritrovamento, sia più difficile l’individuazione del proprietario.

In particolare, per le targhe acquistate nel 2009 dal Comune di Modena e distribuite gratuitamente dai rivenditori a chi acquistava un nuovo mezzo, c’è tempo fino a fine giugno per effettuare la registrazione; in caso contrario la targa scadrà.

Il sistema BiciSicura, attivo in 26 città italiane, conta complessivamente 66 mila 250 biciclette registrate, con una percentuale di furti media dell’1,4% e un 21% di recuperi.

A Modena, il numero di furti sul parco bici non targato raggiunge circa il 18%, mentre sui mezzi targati è inferiore allo 0,5%.

“”Circa il 24% dei furti avviene all’interno di proprietà private, durante le ore notturne – afferma l’assessore comunale alla Mobilità Daniele Sitta – per questo è molto importante assicurare i mezzi con un antifurto come catena in acciaio cementato o ad arco rigido anche nei garage o nei cortili. Rimane il fatto che, se la bicicletta non viene registrata, anche in caso di ritrovamento è molto difficile individuare il proprietario. Invito quindi chi ancora non l’avesse fatto a provvedere””, conclude l’assessore.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati