Bellezze di cristallo e luce in vetrina

Condividi su i tuoi canali:

Daniela Moscatti segnala l'esposizione delle opere di Carlo Baldessari, fatte di cristallo e luce.

 Se vi capita di passeggiare in centro andate a vedere l’esposizione di lampade realizzate con vetro e cristallo riciclato da Carlo Baldessari.

Altre immagini al sito www.carlobaldessari.com).

L’esposizione sarà inaugurata domani e resterà “”in vetrina”” sino al 12 gennaio. In vetrina perché per questa mostra è stato concesso lo spazio di piazza Grande 17, al piano terra del Municipio, “”una vetrina”” sulla piazza, nel cuore di Modena

Carlo Baldessari, modenese, è un professionista che per molti anni si è dedicato all’arte di costruire sorrisi parallelamente a quella di dipingere, cesellare, restaurare e poi si è inventato un’arte nuova: creare pezzi unici con vetro e cristallo, riciclato dalle più prestigiose vetrerie e fornaci italiane.

Carlo Baldessari cerca, trova, seleziona e ricicla il cristallo, lo studia, lo frammenta, ne smussa gli angoli, lo assembla ispirandosi alla natura, ai suoi colori, alla sua semplicità. Da queste minuscole tessere colorate nascono ora dopo ora, giorno dopo giorno, lampade, specchiere, sculture di colori, sfumature e dimensioni diverse. Pezzi unici ed esclusivi che possono valorizzare, arredare, abbellire qualsiasi ambiente

(segnalato da Daniela Moscatti)

 

 

 

 

 

 

 

 

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

BORGO DEI NONNI

A Lama di Reno il progetto lungimirante per un borgo “speciale” Ilcapogruppo di RETE CIVICA – Progetto Emilia-Romagna Marco Mastacchi ha presentato alla Presidente dell’Assemblea

“CALICI DI STELLE”

LUNEDÌ 8 AGOSTO RITORNA IN CENTRO STORICO A CASTELVETRO “CALICI DI STELLE” CON VINO, CIBO E MUSICA. MERCOLEDÌ 10 A LEVIZZANO OSSERVAZIONI DELLA VOLTA CELESTE

I tartufi alle Salse di Nirano

Alla Riserva di Nirano la sede dell’Associazione Tartufai di Modena che collabora nella manutenzione e pulizia dell’area protetta. Pochi forse sanno che sulle pendici dei