Barack Obama Presidente degli Stati Uniti

Condividi su i tuoi canali:

None

Un’elezione che può portare benefici all’andamento dell’economia.  

La centralità politica ed economica degli Stati Uniti rappresentano fattori che, inevitabilmente, hanno riflessi anche sul nostro Paese. Per questa ragione l’esito nitido delle elezioni presidenziali americane e la scelta di dare fiducia a Barack Obama che, sotto molto profili si preannuncia come un coraggioso innovatore, rappresentano un passaggio di grande rilievo per tutti i Paesi del mondo.

Il nuovo presidente avrà a che fare con una crisi economica e finanziaria che scuote il mondo ma che rappresenta anche una opportunità per stabilire nuove e migliori regole per il governo del mercato mondiale, per una migliore distribuzione della ricchezza,  per la salute ambientale, a condizione di costruire relazioni internazionali forti e rivolte al rinnovamento. Del resto chi più di un Presidente giovane dello stato più potente della terra può determinare una svolta coraggiosa e generosa nei rapporti politici e economici? E’ un compito assai impegnativo ma necessario rispetto al quale l’Europa è chiamata a dare un forte contributo, per battere la recessione e favorire una crescita economica solida e diffusa.

Solo geograficamente l’elezione di Obama a presidente degli Stati Uniti è un fatto lontano, conclude Confesercenti Modena: in realtà la capacità di rinnovamento e di infondere nuova fiducia nelle persone è già di per sé una prima inversione di tendenza rispetto al difficilissimo momento che sta attraversando l’economia.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle