Balsamico Ducale: firma della convenzione tra Accademia Militare di Modena e Consorteria del Balsamico Tradizionale

Condividi su i tuoi canali:

None

Balsamico Ducale: firma della convenzione tra Accademia Militare di Modena e Consorteria del Balsamico Tradizionale 

All’interno del Torrione del Prato di quella che oggi è l’Accademia Militare di Modena, in passato residenza dei Duchi d’Este, quattro anni fa è rinata l‘Acetaia Ducale, proprio nel luogo dove l’aveva originariamente voluta il Duca Francesco IV. L’Acetaia Ducale ha ripreso vita grazie ai Maestri Assaggiatori della Consorteria del Balsamico Tradizionale di Spilamberto che ne hanno curato l’avvio e la messa a punto e oggi quotidianamente seguono la sua conduzione.
La collaborazione tra Accademia Militare e Consorteria viene ora ufficializzata con la firma di una convenzione, che viene siglata

Mercoledì 5 luglio
alle ore 11.00
presso l’Accademia Militare di Modena,
ingresso principale di Piazza Roma

Firmano la convenzione:
Salvatore Camporeale, Generale di Divisione, Comandante dell’Accademia Militare di Modena
Maurizio FiniGran Maestro della Consorteria del Balsamico Tradizionale di Spilamberto

La stampa è invitata per conoscere le caratteristiche di questa collaborazione e dell’Acetaia Ducale, oltre a ripercorrerne la storia.
E’ necessario inviare una mail di conferma accredito entro le 9.30 di mercoledì 5 luglio indicando nome, cognome, numero di tessera e testata di appartenenza del giornalista. La mail può essere inviata a questo indirizzo.

Ufficio Stampa MediaMente 
339.8850143
stampa@mediamentecomunicazione.it

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo