Autonomi dalle forze politiche forti del nostro impegno per i cittadini

Condividi su i tuoi canali:

None

Il Coordinamento Comitati dei Cittadini ha scelto da tempo di non collaborare con i partiti politici, pertanto non si allea né con la maggioranza, né con l’opposizione ma solo con le Istituzioni cittadine e statali oltre che con tutti coloro che operano per la maggiore sicurezza della città. Le numerose importanti iniziative gestite insieme alle Associazioni di Categoria e a tutti i Sindacati di Polizia attestano questa scelta.

Malgrado qualcuno tenti di omologare il Coordinamento a questo o quello schieramento politico, i Comitati ribadiscono, ancora una volta, la propria assoluta autonomia da qualsiasi partito e confermano l’impegno nel continuare a sollecitare le Istituzioni cittadine e statali ad un maggiore, concreto sforzo per garantire la sicurezza dei cittadini.

 

Diversamente dalle recenti, tranquillizzanti dichiarazioni dello stesso Comitato Provinciale per la Sicurezza, il Coordinamento ritiene che la situazione in città e provincia rimanga grave, soprattutto a causa dei preoccupanti e ripetuti episodi di criminalità che hanno recentemente assunto modalità sempre più violente verso donne, anziani, cittadini inermi ed intere famiglie.

Queste preoccupazioni sono state rappresentate, la settimana scorsa, nell’incontro che il Coordinamento ha avuto, al Ministero dell’Interno, con il consigliere del Ministro Maroni. E, non per caso, dopo quell’incontro il Reparto Mobile di Polizia di stanza a Bologna è stato impegnato temporaneamente in città.

 

La scelta di non arrendersi ma di denunciare la gravità della situazione è l’unica che può portare risultati concreti. Ad esempio, da alcune settimane Il Coordinamento chiede, con forza, l’istituzione dell’agente di Polizia Municipale di quartiere e, ieri, il Sindaco ha presentato una riorganizzazione del Corpo di Polizia comunale che prevede appunto il vigile di quartiere.

Si tratta di risultati ancora parziali ma il Coordinamento non ha intenzione di demordere.  Oggi stesso i rappresentanti del Coordinamento dei Cittadini sono a Roma, incontrano al Ministero dell’Interno il sottosegretario Alfredo Mantovano per richiedere, ancora una volta, il rafforzamento stabile delle forze di Polizia presenti in città e che, fino a quando i nuovi agenti non saranno arrivati, che il Reparto Mobile presidi le zone calde della città.

 

La strada per ottenere un livello di sicurezza accettabile è ancora lunga ed anche in salita ma il Coordinamento ha intenzione di percorrerla tutta senza lasciarsi intimidire o strumentalizzare da nessuno.

 

Coordinamento Comitati Cittadini per la Sicurezza Modena

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per