ATCM: corse urbane gratuite in certi orari

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Il presidente dell’Atcm, Odorici, ha inaugurato la campagna anti-portoghesi tra fuggi-fuggi generali e multe come se piovesse, specie a studenti e stranieri sprovvisti di biglietto. Nei prossimi giorni si replica, con una squadra di una ventina di controllori, ma temo che finirà come prima: pian piano i controlli si affievoliranno, complici gli stessi controllori che chiuderanno con il tempo un occhio davanti ad una tendenza difficile da sradicare, specie in tempi di crisi: quella di non pagare.

Non credo risolverà il deficit dell’azienda, senza contare i maggiori costi del personale e gli scarsi incassi in relazione al limitato uso dei bus da parte dei modenesi.

Si potrebbe invece copiare il progetto Zangheri e varare il manifesto ecologista “”Modena non deve soffocare””. Il sindaco di Bologna varò nel lontano 1973 l’istituzione di fasce orarie di gratuità per gli autobus, gratis per studenti, lavoratori e cittadini come promozione del mezzo pubblico a scapito dell’auto privata.

Si poteva viaggiare gratis fino alle nove del mattino e dalle 16,30 alle 20.00 ( gli studenti anche dalle 12.00 alle 15.00 ) Oggi potrebbe apparire una proposta populista e utopistica ma allora si sperava che la gratuità del servizio potesse indurre molti cittadini a limitare l’uso dell’auto a favore del bus e almeno in questo funzionò. Il progetto prevedeva di caricare sulla fiscalità generale dei servizi pubblici primari i mancati incassi. Mancati incassi che a Modena non dovrebbero essere ingenti, sia per il limitato numero di fruitori sia per la costante evasione a due cifre del ticket. Il progetto bus-gratuito potrebbe comprendere per ora solo la rete urbana, istituendo per l’extraurbana la presenza di un controllore-bigliettaio fisso. Scopriremmo così se il concetto di “”servizio sociale”” può convincere a salire sui mezzi pubblici una cittadinanza che sì invoca da sempre maggiore efficienza, ma poi non se ne serve perchè lo giudica un mezzo di trasporto scomodo,  da “”poveracci”” e da anziani della mutua.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ius Scholae

Fratelli d’Italia: “Bonaccini invece di offendere pensi a risolvere i problemi dei cittadini”Mentre imprese e cittadini sono in ginocchio davanti una grave crisi economica, caratterizzata

“PREMIO EMAS 2022”

L’ Ente Parchi Emilia Centrale vince il “Premio Emas 2022” per la dichiarazione ambientale piú efficace a livello nazionale L’Ente Parchi Emilia Centrale ha vinto