Aspetto che il virus dilaghi in Europa

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

L’approccio al virus da parte nostra è stato giusto? Il tempo ce lo dirà. E’ sbagliato invece come la politica e l’informazione hanno gestito il problema. Attenzione, il Corona virus distoglie l’attenzione da altri problemi e situazioni critiche con cui alla fine l’Italia e l’Europa dovranno fare i conti.

 


Il virus, chiamato Corona, ha ormai evidenziato la sua capacità di mettere in ginocchio non il sistema sanitario di una nazione, ma la stessa economia di uno o più stati. Noi, grazie anche a una condotta della politica e dell’informazione, abbiamo pagato in primis questo scotto. Abbiamo riesumato la famosa frase di Giovannino Guareschi: -Contrordine compagni…-. Un giorno sì e uno no, chi doveva rassicurarci su come affrontare questo problema, cambiava versione. Il grande pubblico che ascoltava preoccupato conferenze stampa di premier, governatori di regioni, altri politici, protezione civile e medici, non si è proprio sentito rassicurato. Abbiamo assistito alla follia della corsa ai grandi centri commerciali per accaparrarsi di tutto e di più. Scene da film del tipo World War Z, con la variante che le cassiere sono rimaste al loro posto, e hanno contribuito a fare girare l’economia svuotando i magazzini delle rispettive aziende. Ora, tutti hanno inzuppato il biscotto in quest’affare: dai talk show della politica, a quelli più leggeri del pomeriggio del tipo mi faccio i cavoli degli altri. Abbiamo sentito l’appello di un sindaco e una signora preoccupati per un gruppo di anziani loro compaesani in isolamento in un albergo della Liguria. Signora, tranquilla, i nonni non sono in un campo d’accoglienza in Libia, né ai confini della Grecia e, finita la quarantena, che poi sono quattordici giorni, potrà raccontare ai nipotini in tutta tranquillità la loro esperienza. Con quest’approccio siamo, però, riusciti a mandare a carte e quarant’otto, la nostra economia. Non lo dico mica io, ma fior fiore di economisti. In tutto ciò, la tanto sbandierata UE, ha dimostrato la sua granitica compattezza e “solidarietà” nei confronti di uno degli stati fondatori. Vogliono un certificato che le merci italiane non abbiano contratto il virus!? Un’assurdità! Oltre a ciò, hanno contribuito con una politica allarmistica al crollo delle presenze turistiche, con grave danno di una delle poche realtà produttive di lavoro nel nostro paese. Domanda: ma se il virus sta dilagando in tutta Europa, dove andranno gli stranieri in vacanza?

Tornando al titolo, l’informazione impegnata sul fronte del virus, poco si è interessata a quello che succedeva nel resto del mondo. Alcuni esempi. Elezioni in Iran con relativa vittoria dei conservatori religiosi, ma con oltre la metà degli elettori che non è andata a votare in segno di protesta per la mancanza delle più elementari norme di democrazia. La guerra espansiva della Turchia nei confronti di uno stato sovrano quale la Siria, che deve la sua precaria integrità territoriale appesa al filo degli aiuti della Russia. Sempre in Turchia, il suo sultano Erdogan, con arroganza minaccia che se non gli sono elargiti altri miliardi apre i confini ai profughi verso la Grecia, mettendo in crisi una nazione che l’Ue ha già messo in ginocchio. Inoltre, nuovi sbarchi d’immigrati in Italia, che continuano, e visto quanto scritto sopra, difficilmente saranno ridistribuiti. Forse, la nostra salvezza potrebbe essere quella che il virus colpisse questo governo, così, se ne andrebbe in quarantena e farebbe meno danni. Forse, perché, anche con la mascherina continuerebbero a blaterare.  

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Cristo si è fermato a Eboli

ROSI ABOUT EBOLIPer la sua XIX edizione, il festival LA VALIGIA DELL’ATTORE presenta un breve documentario inedito su Rosi e Volonté durante la lavorazione di

Visit Castelvetro!

Il nostro territorio, la vostra scoperta! Visita il Castello di Levizzano Rangone in Notturna!Venerdì 8 Luglioore 21.00Castello di Levizzano Rangone Hai mai visto un Castello di notte?