ARTICOLO UNO MDP/PER ME MODENA SU CRISI EDIS S.P.A.

Condividi su i tuoi canali:

None

 

“Scongiurare trasferimento azienda: a rischio posti di lavoro e chiusura stabilimento” 

“Che fine faranno i lavoratori della Edis, data la volontà aziendale di trasferire la sede in provincia di Rovigo? A profilarsi è un altro stato di crisi che andrà a colpire direttamente i dipendenti e i loro famigliari.” A chiederlo sono Paolo Trande e Marco Malferrari di Articolo Uno Mdp/Per me Modena, dopo che la proprietà di Edis s.p.a. ha comunicato ai dipendenti medesimi che l’azienda sarà trasferita a Villa Marzana (Ro)

 

“Nessuna pace, dunque, pace per i dipendenti di questa realtà modenese, in gran parte donne – proseguono Trande e Malferrari – Dopo la cessione da parte della famiglia Panini, (luglio 2016) alla famiglia Sinigaglia, proprietaria dell’omologa ditta concorrente, l’azienda prima attuò una riduzione del personale di alcune unità poi, pochi mesi dopo, annunciò nuovi esuberi con la minaccia di licenziare più della metà dei dipendenti. Dicendosi inoltre, indisponibile al ricorso agli ammortizzatori sociali ed annunciando la disdetta degli accordi aziendali conquistati in decenni di contrattazione, per arrivare infine al punto di minacciare la chiusura dello stabilimento in caso di mancata accettazione delle condizioni imposte.”

 

“Nei primi mesi del 2017, i dipendenti dovettero quindi difendere il loro posto di lavoro con una dura mobilitazione, sostenuta e organizzata con la Slc-Cgil di Modena, che trovò ascolto anche da parte dell’Amministrazione del Comune di Modena. Col risultato di scongiurare allora l’esito più drammatico di quella crisi aziendale. Ora però, la situazione si è fatta nuovamente molto preoccupante. Vorremmo dunque un impegno da parte del Sindaco e dell’amministrazione a riguardo, rispetto all’utilità di aprire un nuovo confronto con l’azienda per verificare la possibilità di scongiurare, come in precedenza, i trasferimenti o la perdita di posti di lavoro nella sede modenese, oltre che trovare soluzioni alternative condivise tra le parti. E, sapere se in caso di necessità estrema quali risorse il Comune potrebbe impiegare e quali ammortizzatori sociali. Oltre, a fare tutto il possibile affinché l’azienda non chiuda definitivamente i battenti a Modena”.

 

 

Per informazioni: Vincenzo Walter Stella Capogruppo Art.UNO MDP/Per Me Modena – Comune di Modena; walter.stella@comune.modena.it

                                   

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

INTERROGAZIONE

Oggetto: Controlli sulla residenzialità negli alloggi pubblici. Chiarezza sul caso del titolare di alloggio pubblico e privato che vive all’estero e subaffitta  Premesso che: –

LA FÉRA DAL BÈLI DANN

Con la “Féra dal Bèli Dann” proseguirà sabato 8 e domenica 9 ottobre, l’edizione 2022 delle Fiere d’Ottobre di Sassuolo con un ricco calendario di