Arresto boss ‘ndrangheta a Modena

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

“”Fare luce al più presto sugli intrecci e le attività svolte dagli importanti esponenti della malavita organizzata arrestati negli ultimi mesi in provincia di Modena””. “”Le indagini che nell’ultimo fine settimana hanno portato al sesto arresto, in dodici mesi, di esponenti di spicco della malavita organizzata di stampo mafioso confermano la grande capacità dell’intelligence italiana nella lotta alla mafia, e allo stesso tempo gettano una luce inquietante sul nostro territorio e su quella fitta rete di personaggi e presumibilmente attività illecite, che a Modena trovano evidentemente un ambiente favorevole in cui vivere ed operare.  

Le indagini confermano che Modena da anni è tutt’altro che un isola felice immune da infiltrazioni mafiose. Di fronte a questa preoccupante situazione chiediamo al Ministro dell’Interno Amato se non ritenga “”indispensabile verificare attentamente, in Emilia Romagna ed in provincia di Modena in particolare, lo stato di diffusione e radicalizzazione di organizzazioni criminali di stampo mafioso e di come queste operino all’interno del tessuto economico e sociale del nostro territorio. Con una microcriminalità legata all’immigrazione clandestina che da tempo ha superato il livello di guardia a Modena la presenza della criminalità organizzata deve trovare una risposta adeguata da parte delle Istituzioni””

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un