“ArmoniosaMente” Concerto a Montalto di Montese

Condividi su i tuoi canali:

None

 

“armoniosamente” a montalto sabato 3 agosto

in concerto i giovani modenesi gibellini e manfredini

 

Due giovani musicisti modenesi, Francesco Gibellini e Stefano Manfredini, in un concerto con strumenti storici originali. È il nuovo appuntamento con la rassegna “ArmoniosaMente” in programma sabato 3 agosto, nella chiesa parrocchiale di Montalto di Montese. Il concerto inizia alle ore 21 ed è a ingresso libero.

La rassegna, che si sviluppa all’interno di chiese, pievi e ville lungo l’intero territorio modenese, è promossa dalla Provincia di Modena, in collaborazione con la Fondazione Cassa di risparmio di Modena e le associazioni Amici dell’organo “Johann Sebastian Bach” e “Cantieri d’arte”.

Francesco Gibellini, che suonerà cornetta, tromba e tromba contralto, e Stefano Manfredini, all’harmonium, propongono un repertorio che si apre con un autore cinquecentesco, Luis de Milán, per concentrarsi poi su compositori a cavallo tra Ottocento e Novecento come Franck, Karg-Elert, Dubois, Dacci, Alain e Brandt.

Francesco Gibellini, nato a Sassuolo nel 1987, è diplomato nella classe di tromba del Conservatorio di Parma. Appassionato di musica antica, ha approfondito la ricerca filologica nelle esecuzioni musicali su strumenti antichi di varie epoche e costruisce strumenti musicali medievali e rinascimentali secondo modelli storici rilevati dall’iconografia dell’epoca.

Stefano Manfredini, modenese, è diplomato in Organo al Conservatorio di Mantova e laureato in Discipline musicali. Già organista nella chiesa di San Domenico a Modena, dal 2004 è anche organista titolare del monumentale organo “Tamburini” (5 manuali e 12 mila canne) della chiesa di San Giovanni Bosco a Bologna.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per