“Aree naturalistiche: Modena e Reggio Emilia fanno squadra

Condividi su i tuoi canali:

None

ENTE DI GESTIONE PER I PARCHI E LA BIODIVERSITÀ EMILIA CENTRALE

Via J. Barozzi 340 – 41124 Modena

 

 

I PARCHI DI MODENA E REGGIO EMILIA FANNO SQUADRA E SI PRESENTANO INSIEME

 

Conferenza audiovisiva di presentazione, venerdì 14 giugno alle ore 21, per i Parchi natura delle province di Modena e Reggio Emilia, nell’ambito della manifestazione “VI-VE Vivere Verde” in programma dal 13 al 16 giugno nell’area verde di Bosco Albergati, in località Cavazzona di Castelfranco Emilia (a ingresso gratuito).

Alla conferenza, dal titolo “Aree naturalistiche: Modena e Reggio Emilia fanno squadra, la nuova rete dei Parchi dell’Emilia Centrale”, interverranno Giovanni Battista Pasini, Presidente dell’Ente di gestione per i Parchi dell’Emilia Centrale ed Enzo Valbonesi, Responsabile del Servizio Parchi della Regione Emilia-Romagna, mentre le aree protette saranno rappresentate da Fausto Minelli (Parco regionale dei Sassi di Roccamalatina), Claudia Piacentini (Parco regionale del Frignano) e Giuliano Pozzi (Riserva naturale Cassa di espansione del fiume Secchia).

Come è noto, la Regione Emilia Romagna ha recentemente riorganizzato il sistema delle aree protette regionali, accorpandole in cinque “macroaree” geografiche, nel cui ambito l’Emilia Centrale ricomprende, al momento, i parchi regionali del Frignano e dei Sassi di Roccamalatina e la riserva naturale della Cassa di espansione del fiume Secchia.

La conferenza di venerdì, costituita da interventi e proiezioni di immagini e filmati, servirà proprio ad illustrare al pubblico questa nuova realtà, dove le aree naturalistiche modenesi e reggiane sono chiamate a “fare squadra” e ad operare insieme in un’ottica di sistema integrato.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per