Aperte fino a domenica 25 maggio a Palazzo Santa Margherita le esposizioni su “Fotogiornalismo”, “Informale in Italia”, e il videodramma “Nei Molti Mondi”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Sono aperte gratuitamente fino a domenica 25 maggio le mostre promosse dalla Galleria civica di Modena a Palazzo Santa Margherita in corso Canalgrande 103: “Fotogiornalismo e reportage. Immagini dalla collezione della Galleria civica di Modena”, “L’Informale in Italia. Opere dalla collezione della Galleria civica di Modena” e il videodramma a spettatore unico dal titolo “Nei Molti Mondi”, un omaggio a Philip K. Dick di Guido Acampa e Gabriele Frasca, cui si può accedere su prenotazione.

Organizzate e coprodotte dalla Galleria civica di Modena e dalla Fondazione cassa di risparmio di Modena, allestite rispettivamente in sala grande e nelle sale superiori di Palazzo Santa Margherita, le mostre presentano: la prima, una significativa selezione di opere dalla raccolta di fotografia con un progetto che attinge in gran parte dal fondo Franco Fontana incentrato sul fotogiornalismo e sul reportage, a cura di Silvia Ferrari; la seconda, a cura di Marco Pierini, espone più di cento disegni e incisioni dei massimi esponenti dell’Informale italiano in un arco cronologico compreso fra la metà degli anni Quaranta e la fine degli anni Sessanta selezionati dal patrimonio della galleria.

“Nei Molti Mondi”, ispirato a un racconto di Philip K. Dick pubblicato nel 1980 da Playboy, “I Hope I Shall Arrive Soon” è un lavoro destinato a un solo spettatore per volta, che propone un’ora e venti di visione totalmente immersiva, in una sala insonorizzata provvista di una seduta appositamente costruita per questa particolare fruizione. Per informazioni e prenotazioni tel. 059 2032919 in orario di mostra.

La Galleria civica di Modena a Palazzo Santa Margherita in corso Canalgrande 103 è visitabile gratuitamente dal mercoledì al venerdì dalle 10.30 alle 13 e dalle 16 alle 19.30; il sabato e la domenica dalle 10.30 alle 19.30 a orario continuato.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati