aNDREA GALLI:Il Governo italiano ha il sacrosanto diritto di tutelare i propri Confini e il proprio Popolo

Condividi su i tuoi canali:

None

OrdinE del Giorno, oggetto: Per il presidente francese Macron la posizione dell’Italia sulla immigrazione sarebbe cinica e irresponsabile? Il Governo italiano ha il sacrosanto diritto di tutelare i propri Confini e il proprio Popolo: non accettiamo lezioni dalla Francia. E ricordiamo a Macron i fatti di pochi mesi fa Bardonecchia.

 

 

 

 

                                    Il Consiglio Comunale di Modena

                                                               appresa

la notizia delle esternazioni del presidente francese Emmanuel Macron, il quale ha definito la legittima posizione del governo italiano sugli sbarchi di clandestini ‘irresponsabile’ e ‘cinica’, parole aggravate da quelle del premier francese Edouard Philippe e del portavoce di En Marche che ha usato l’aggettivo ‘vomitevole”;

                                                                ricorda

 

l’Articolo 1 della Costituzione italiana secondo il quale la Sovranità nella nostra Nazione appartiene al Popolo italiano;

                                                condanna

l’ingerenza di un Governo straniero sulle politiche del ministro dell’Interno italiano che parla ed agisce non a titolo personale ma come Governo legittimamente eletto;

                                                sottolinea

la disponibilità del Governo italiano, espressa ripetutamente dal Ministro dell’Interno, a soccorrere minori e donne incinte presenti sulla nave Aquarius;

                                                                rimarca

l’ipocrisia con la quale il Governo francese chiede all’Italia un approccio definito ‘accogliente’ sui migranti, quando ripetutamente la Francia da parecchi anni e segantamente in maniera più marcata negli ultimi mesi si è voltata da un’altra parte di fronte al tema dell’immigrazione come, solo per ricordarne alcuni particolarmente emblematici:

1) Gennaio/dicembre 2017: il governo francese respinge l’arrivo di una ondata di migranti in condizioni disperate provenienti da Ventimiglia e intenzionati a passare il confine; un muro di agenti in piu’ occasioni bloccò, con la forza, l’ingresso anche ai minori;

2) marzo 2018 una donna nigeriana, Destinity, malata di linfoma viene respinta alla frontiera francese; è incinta e ad aprile muore all’ospedale Sant’Anna di Torino;

3) 30 marzo 2018 a Bardonecchia  un gruppo di agenti delle Dogane d’Oltralpe fanno irruzione in un locale in uso alla Ong italiana Rainbow4Africa, per effettuare un test delle urine a un nigeriano;

4) ad aprile indignazione internazionale per un video che ritrae poliziotti francesi gettare una migrante incinta da un treno.

 

 

               Il Consiglio Comunale di Modena, dati questi fatti,

 

condanna la posizione del Governo Francese e del presidente Macron e pretende il rispetto dell’Italia da parte dei partner internazionali e sottoscrive la scelta del ministro Enzo Moavero Milanesi di convocare alla Farnesina l’ambasciatore francese Christian Masset;

 

                                                        chiede

 

all’Amministrazione comunale di Modena di esprimere pieno sostegno alla volontà del Governo italiano di esercitare la propria sovranità e di invitare ufficialmente il Governo francese ad esimersi da inopportuni, offensivi e ipocriti attacchi alla libertà dello Stato italiano.

 

 

 

                                                                       Andrea Galli

                                                              (capogruppo Forza Italia)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.