Anche Castelfranco Emilia sarà presente ad Expo Milano il prossimo 24 ottobre

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Il comune di Castelfranco Emilia da sabato 17 ottobre e fino alla conclusione di Expo sarà presente nello Spazio Piazzetta della Regione Emilia Romagna all’interno di un progetto di marketing territoriale integrato dal titolo “Modena. Dove tutto diventa arte”.

Un progetto unico per promuovere nel suo complesso le eccellenze modenesi all’insegna della collaborazione dei territori, del “fare rete” per la valorizzazione delle produzioni tipiche, della qualità e delle tradizioni.

All’interno del palinsesto complessivo, che riunisce una decina di partners istituzionali per la realizzazione del progetto, saranno realizzate diverse attività di animazione che copriranno le due settimane di presenza a Expo in tutte le giornate, 24 volte al giorno, a rotazione.

Ogni soggetto potrà tuttavia, allo stesso tempo, salvaguardare anche la propria identità in quanto ognuno avrà a disposizione una giornata dedicata. La giornata dedicata a  Castelfranco Emilia sarà sabato prossimo, 24 ottobre.

 

“E’ stata un’importante operazione di promozione coordinata delle eccellenze culturali e turistiche del territorio modenese nata dall’alleanza tra Enti Locali (Modena, in qualità di capofila, Carpi e Fanano), Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena, Confindustria Modena e Fondazione di Vignola.

In questa occasione così importante, nella vetrina mondiale di Expo, il nostro territorio avrà l’occasione di dimostrare che esiste un vero e proprio “sistema Modena”, in cui anche la città di Castelfranco Emilia metterà in mostra quelle che sono, a 360 gradi, le tipicità che rappresentano un unicum sul territorio. Per questo, abbiamo tentato di chiamare a raccolta tutti gli attori che siano in grado di rappresentare, a sua volta il “sistema Castelfranco”, dichiara il Sindaco Stefano Reggianini.

 

“In quella giornata, i visitatori di Expo saranno coinvolti direttamente nelle attività di animazione in cui il protagonista indiscusso sarà il Tortellino Tradizionale di Castelfranco Emilia che, in un immaginario abbraccio, sarà il filo conduttore tra le altre eccellenze del nostro territorio: l’Oasi di Manzolino, Villa Sorra, la collezione Righini e Pagani Automobili”, spiega l’Assessore alla Promozione Territoriale, Giovanni Gargano. “A expo volgiamo raccontare Castelfranco Emilia attraverso le eccellenze. Una testimonianza forte, puntuale ed esaustiva. Un progetto nel quale abbiamo cercato di coniugare l’attenzione per la natura, le eccellenze enogastronomiche e il nostro tessuto economico, culturale e storico”, prosegue l’Assessore Gargano.

 

“Castelfranco Emilia è di certo già conosciuta nel mondo per avere dato i natali all’Ombelico di Venere, il Tortellino Tradizionale di Castelfranco Emilia. Quindi Castelfranco si presenta con tutte le carte in regola per rappresentare al meglio un pezzo di Regione, davvero, un’Emilia Ripiena, ripiena di eccellenze uniche che mantengono però il gusto della tradizione rappresentata dalla maestria delle sfogline”, afferma Giovanni Degli Angeli, presidente dell’Associazione di Promozione Sociale La San Nicola.

 

“Siamo orgogliosi di potere rappresentare una parte del territorio di Castelfranco Emilia, la parte dedicata alla tradizione della Terra dei Motori. La collezione privata Righini è una fra le collezioni d’auto più importanti d’Italia ed è custodita all’interno del Castello di Panzano. Ricordiamo che qui è custodita la Avio 815 del 1940, la prima macchia costruita da Enzo Ferrari quando ancora non esisteva la sua fabbrica, la Fiat Chiribiri del 1912, il cosiddetto “sigaro” a 4 ruote, capace di raggiungere velocità incredibili per l’epoca”, dice Massimiliano Stancari, responsabile della Collezione Righini.

 

“La partecipazione a Expo per il Comune di Castelfranco Emilia rappresenta un’opportunità unica per tutto il territorio e per tutte le attività economiche ivi insediate.

Gardenia di Lella con la sua “Ceramica Tipica di Castelfranco Emilia” in occasione di questo evento Expo Milano 2015, collabora con il proprio comune affinché la tradizione arrivi e rimanga nel cuore di tutti. Gardenia di Lella è orgogliosa di portare il testimone della sapienza artigiana con le sue creazioni ceramiche, espressione di un prodotto originale ed unico. Fiere di appartenere ad un territorio ricco di tradizione ci impegniamo a mantenere alta la tradizione della città del Tortellino, così afferma Marzia Marotta, una delle titolari di “Gardena di Lella”.

 

“Artigianalità è un segno distintivo di Pagani Automobili. I nostri artigiani costruiscono le nostre vetture coniugando arte e scienza, design e tecnologia; seguendo il principio di Leonardo che per primo ha visto arte e scienza camminare mano nella mano. Siamo fieri di costruire le nostre opere a Modena e di essere inseriti nella ormai famosa in tutto il mondo, terra di motori”” così si esprime Catia Pramarzoni di Pagani Automobili.

 

Castelfranco Emilia ha a disposizione per 15 giorni uno spazio per presentarsi ai milioni di visitatori di Expo: un’occasione unica ed irripetibile che abbiamo tentato di cogliere e rappresentare nel migliore dei modi, mettendo in campo le risorse degli enti e del territorio, in uno spirito di collaborazione che ci ha consentito di operare ad alti livelli.

 

 


 

 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire