“Amara sorpresa il ripristino dell’Imu sulle Partecipanze”

Condividi su i tuoi canali:

None

Abrogata l’esenzione Imu, appena ottenuta, sui terreni a proprietà collettiva indivisibile

 

 

“È necessario che il Governo corregga al più presto questo errore”: la senatrice modenese del Pd Maria Cecilia Guerra denuncia una stortura individuata tra le pieghe del dl n.4 del 24 gennaio scorso, emanato dal Governo per mettere rimedio ai problemi rilevati sull’Imu agricola. Il provvedimento cancella, dopo che anche grazie all’intervento della parlamentare modenese era appena stata ottenuta, l’esenzione dal pagamento dell’Imu per i terreni a proprietà collettiva indivisibile di pianura, tra cui rientra la Partecipanza di Nonantola, istituto antichissimo, fondamentale, tra l’altro, per conservare un patrimonio naturale come il bosco di Nonantola. Ecco la dichiarazione di Maria Cecilia Guerra:

 

 

 

“”Il decreto legge n. 4, del 24 gennaio scorso, che interviene a sistemare il pasticcio dell’Imu agricola, riserva una sorpresa del tutto imprevista. Abroga, infatti, dal 2015, l’esenzione dal pagamento dell’Imu, che avevamo appena ottenuto dal Governo, dei terreni a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile inuscapibile, fra cui  rientra anche la Partecipanza di Nonantola. Reputo si tratti di un grave errore.  La proprietà collettiva garantisce ai partecipanti solo un diritto all’uso di un bene e non può essere in alcun modo confusa con il possesso di un patrimonio, ad esempio, per la sua inalienabilità. Ma è proprio il possesso, il presupposto dell’Imu. Non va, inoltre, dimenticato il ruolo fondamentale che le proprietà collettive assicurano per la valorizzazione, oltre che la conservazione, del patrimonio naturale nazionale. Il disconoscimento dell’esenzione riguarda le sole proprietà collettive non collocate nei territori montani, comporta, quindi, un recupero di gettito molto contenuto per lo Stato, che non può quindi, a maggior ragione, giustificare un prelievo ingiusto contro cui ci si batteva da tempo. È necessario che il Governo corregga al più presto questo errore. Il mio impegno su questo fronte sarà massimo””

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle