Altro che le fiabe ! Diseducativa è la realtà.

Condividi su i tuoi canali:

Tre interlocutori parlano, ovviamente ignari di essere intercettati. «Pensa i bimbi cosa mangiano"" afferma divertito uno. «Sono un mentitore! Io finisco all'inferno», dice ridendo un altro. Al che, sempre al colmo dell’ilarità, risponde una terza persona, una donna : «Lo facciamo per il bene dell'azienda!» Argomento della conversazione, sono  i  liquami tossici dalla loro ditta lucrosamente e sistematicamente spacciati per fertilizzanti. Credo sarebbe più opportuno tenere lontani i bambini dalla realtà, altro che dalle fiabe!

 


 Come è noto, impazza, sempre più accesa, la furiosa caccia a tutto ciò che non è politically correct, tutto ciò che, spesso cervelloticamente e ridicolmente,  è ritenuto diseducativo, spaventoso, discriminante, offensivo per una categoria di persone, (o per un’etnia, per  un popolo, per un genere). Caccia incessante che sta vivendo un periodo  d’oro,  nel senso che ogni giorno  qualche fiaba, posta sotto la lente d’ingrandimento di illuminati censori, presenta qualche pecca, o molte pecche. Arrivare a ventilare il bacio del principe a Biancaneve come non consenziente, quindi come una molestia da parte del malcapitato – che pensava di far bene, ovviamente –  è  solo l’ultima in ordine di tempo di una nutrita serie, potremmo definirla anche una gustosa serie,  se fosse fatta di battute, per  scherzare…

No, si parla seriamente, esortando alla messa al bando di  simili scritti in quanto nocivi per la formazione di bambini e ragazzi.  
Francamente,  terrei lontani i bambini e i ragazzi dalla realtà, altro che dalle fiabe!
Realtà nella quale non un fatale errore ma un gesto deliberato, l’ omissione dolosa di cautele, ha originato la tragedia di Stresa. Una realtà nella quale, per  far partire ad ogni costo una funivia che “dava continuamente  dei problemi,” bloccandosi,  si disabilita il sistema frenante di sicurezza, come soluzione;  una realtà nella quale,appena una manciata di settimane addietro,  una giovane operaia è morta  stritolata da un macchinario cui era stata manomessa, disattivata,   la protezione, la  fotocellula di sicurezza necessaria a far fermare il funzionamento del macchinario in caso di situazioni di pericolo per chi ci lavorava, come è accaduto a Luana, ventiduenne operaia  di Oste di Montemurlo, Prato. Una realtà nella quale  i ponti  non vengono debitamente controllati e ispezionati con regolarità ma si  ugualmente si compilano  fasulle relazioni in cui  tutto va bene, come è accaduto per il Ponte Morandi,  incredibilmente lasciato nell’incuria ma con tanto di false revisioni, con controlli mai effettuati, per salvare le apparenze e le poltrone.

Una realtà nella quale  si vendono come DPI  veri e propri stracci, inutili o dannosi che, di dispositivi di protezione individuale, hanno solo il nome – come le recenti inchieste hanno appurato –  mettendo a rischio gravissimo  la vita di sanitari, di pazienti, dei cittadini tutti. Dato che al peggio non c’è mai  fine,  ora un’altra inchiesta, squallida e gravissima, su liquami tossici sistematicamente  spacciati per fertilizzante, con  ingenti guadagni. Veleni, consapevolmente venduti, indifferenti alla loro pericolosità o,  come si appura dalle intercettazioni, addirittura divertiti dalle conseguenze. Questa è  la nostra realtà,  nella quale  appare difficile fare la graduatoria dell’orrore, di fronte a  notizie che lasciano  senza parole. 

Per questi reati, tante vittime,  tanti a ammalati, tante famiglie distrutte… E’  da questa realtà,  io credo, che  si debbano difendere gli animi innocenti  dei bambini e dei ragazzi… ma non perché possano spaventarsi. No,  si devono tenere lontani perché non diventino indifferenti  all’irresponsabilità degli adulti, affinchè non trovino normali l’avidità, il profitto cercato con qualsiasi mezzo e a qualsiasi costo. Vite umane comprese.

Non per un esasperato garantismo ma per doverosa prudenza, non si possono giudicare le persone prima che  le loro responsabilità siano appurate. Pertanto, anche per la più recente tragedia, quella di Stresa, con le inevitabili polemiche  seguite ai fermi e ai successivi rilasci, è necessario attendere.  Gli inquirenti hanno un compito difficile e terribile, spetta a loro accertare la  verità. 

Lo chiedono  i familiari e gli amici  delle 14 vittime, lo chiede una nazione intera, atterrita e sgomenta, di fronte all’ennesima  evitabile tragedia.

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/05/24/strage-della-funivia-di-stresa-mottarone-_465c21e9-ec51-41a6-b737-a03595afecbf.html

https://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/21_maggio_26/brescia-intercettazioni-shock-nell-inchiesta-fanghi-tossici-chissa-bimbo-che-mangia-questo-mais-f9fc8224-bdf3-11eb-a5e7-170774e96424.shtml

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto, qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto sono link che portano direttamente ai relativi pezzi. Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

Altro che le fiabe! Diseducativa è la  realtà

A.D.Z.

Lettera aperta all’ Assessora Alessandra Filippi

Massimo Nardi

Tratto nuovamente della ciclabile della Via Emilia Ovest, dopo il riassunto del Consiglio Comunale letto sulla pagina locale di un quotidiano, con la relativa alzata di scudi tardiva da parte dell’opposizione, unitamente al mio errore di transitare all’inizio della via sopracitata.

I partiti del leader

Alberto Venturi

Quando un partito si aggrega e si identifica con il suo capo è solo una questione di tempo; l’autunno del leader sarà l’autunno dell’intera struttura. Durerà pochi anni come l’Italia dei Valori di Di Pietro o toccherà le vette del potere come Forza Italia, ma la resa dei conti arriva comunque. Prima o poi. Troppo forte e accentratrice la leadership del capo.

Il martedì dei Musei – National Gallery

La Reine

Il  Centro Via Vittorio Veneto prosegue  regolarmente con le interessanti iniziative culturali.

La classe media meglio delle big di Internet, anche Letta vuol togliere ai poveri per
dare ai ricchi

Paolo Danieli

La costante della Sinistra: dice di voler togliere ai ricchi per dare ai poveri. In realtà toglie alla classe media per dare allo Stato. Distrugge la classe media, che è la struttura sociale ed economica portante del paese per ingrassare la burocrazia, il parassitismo, gli sprechi

Di Maio: le scuse come le piume

Ugo Volpi

Fosse stato un caso isolato, le scuse potrebbero essere accettate, ma per un periodo quello è stato il metodo del M5S: attaccare le persone per colpire il loro partito, senza attendere la sentenza del tribunale; alcune volte anche in assenza di qualsiasi indagine o segnale reale di irregolarità, soltanto presunto dal movimento stesso

Carla Fracci

Francesco Saverio Marzaduri

L’omaggio alla grande étoile scomparsa il 27 maggio a Milano

Buona settimana e buona lettura del n. 751– 446.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Parte il tour itinerante

Al Castello Montecuccolo a Pavullo nel Frignano (Mo) partirà il tour itinerante della copia della corona di Mary of Modena” in occasione sarà illustrato il

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative