ALL’AVIS TROVI SEMPRE “IL TIPO GIUSTO”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Parte dal 4 novembre la nuova campagna provinciale dell’associazione che invita tutti al dono del sangue. Protagonisti i veri donatori modenesi nelle vesti di testimonial

 “Lui è proprio il mio tipo” è lo slogan che accompagnerà dal 4 novembre sui media e sui social la campagna di Avis provinciale per invitare a diventare donatori di sangue. Un gesto semplice, generoso, importante, che chiunque (o quasi) può fare, perché chiunque può essere “il tipo giusto”. Per questo sono stati scelti come soggetti i veri protagonisti della donazione, cioè i donatori stessi, che uscendo per una volta dall’anonimato hanno accettato di “metterci la faccia” come testimonial. La campagna, curata dall’agenzia Proxima di Modena, gioca con l’ironia e il duplice significato di “tipo”, riferito sia al gruppo sanguigno che alle caratteristiche personali. I “tipi” della campagna sono persone comuni ma particolari, in qualche modo distintive anche se universali, accoppiate in maniera improbabile: la signora e il metallaro, il tatuato con la studentessa bon ton, l’uomo in giacca e cravatta con la ragazza con la cresta. Ognuno, rappresentato nella sua diversità, simboleggia per l’altro il “tipo ideale”, e racconta che le trasfusioni sono possibili anche tra diversi gruppi sanguigni. La scelta dei donatori modenesi come modelli della campagna è anche un modo per riconoscere la loro generosità e coinvolgere chi li guarda a immedesimarsi come possibile donatore. “Dobbiamo ringraziare ancora una volta – dichiara il presidente provinciale Avis Cristiano Terenzianichi oltre al dono del sangue ci ha donato anche la propria disponibilità per questa iniziativa. Sono convinto che sono proprio i donatori i nostri migliori testimonial, con la loro generosità continua, volontaria, anonima e gratuita. Un nostro amico, un vicino, un collega donatore sono un esempio da seguire e soprattutto l’unica risposta oggi esistente al bisogno di sangue. Le “coppie impossibili” della campagna ci trasmettono anche un messaggio sociale: in nome del sangue ogni diversità, ogni differenza apparentemente inconciliabile si supera”. La necessità di reperire nuovi donatori rimane primaria per l’Avis provinciale, reduce da un’estate caratterizzata da diverse situazioni di criticità che hanno richiesto uno sforzo straordinario da parte di donatori, volontari e sanitari per rispondere alle esigenze del nostro Servizio Trasfusionale, ultima in ordine di tempo l’emergenza sangue nel Lazio a causa del virus della cikungunja. La risposta dei donatori modenesi non si è fatta attendere; non solo la nostra provincia è stata in grado di coprire le esigenze dei nostri ospedali, ma è riuscita a mettere a disposizione del Centro Regionale Sangue 266 unità di sangue nel mese di Luglio, 463 nel mese di Agosto e 459 in quello di Settembre raggiungendo la ragguardevole cifra di 1.188 sacche da inviare nelle zone carenti. Di queste 320 sono andate nel Lazio. Un capitale di solidarietà di valore inestimabile che chi dona ha messo a disposizione degli ammalati. Ma l’autunno rimane un periodo “caldo”, proprio a seguito dell’impegno straordinario dell’estate  a cui potrebbe seguire un calo fisiologico nelle donazioni. L’invito quindi è per i donatori a mantenere costante il loro impegno e per chi non ha mai donato a fare il “tipo” di scelta più giusta, quella di diventare donatore.    

        

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere