Allarme inquinamento, tutti gli elementi per portare gli enti locali in Tribunale

Condividi su i tuoi canali:

None

Secondo Fabio Galli (Codacons) le manovre antismog sarebbero un alibi per dimostrare di aver fatto qualcosa contro il problema. Il presidente modenese del CODACONS invita le amministrazioni a trarre le conclusioni politiche del fallimento.

 

«Fuori legge. Tra Comune  e Regione gli elementi per portarli in Tribunale ci sono tutti». Non una semplice boutade ma una forte presa di posizione targata Fabio Galli.

Secondo il presidente modenese del Codacons le manovre antismog approntate dalle istituzioni locali, avrebbero lo scopo non tanto di risolvere effettivamente i problemi, ma di creare l’alibi a coloro i quali fossero chiamati a processo.

«Bel traguardo, per giunta quando siamo ancora in Ottobre. Alla faccia del massimo 35 limiti da sforare in un anno… in alcune zone di Modena e della provincia siamo già a oltre 80. I blocchi del traffico, le targhe alterne e tutti i giochetti messi in atto andrebbero rubricati fra le iniziative folkloristiche.

È vero che il codice penale punisce  il rifiuto di atti e non la mancanza di risultati  anche a causa di scelte non appropriate. Ma è altrettanto vero che l’allarme smog ha anche dei risvolti politici e dunque diciamo che chi fallisce dovrebbe sentire il bisogno di cambiare aria… tanto per rimanere in tema».

Galli passa poi a evidenziare le contraddizioni della giunta Pighi: «Le inutili  manovre antismog fino ad oggi messe in atto limitavano  la circolazione impedendo il transito delle auto in una delineata zona della città,  convogliando  conseguentemente il traffico verso la tangenziale. Per poi dichiarare che il grosso dello smog proviene dalla vicina autostrada… da quanto mi risulta le tangenziali sono molto più prossime dell’autostrada al centro abitato, o no?».

Ne ha anche per la Regione:

«Loro sono ancora più incredibili. Hanno dato  il via libera alla realizzazione della nuova autostrada “Cispadana”… Ma se anche l’autostrada, come dice Pighi, è causa dell’alto tasso di inquinamento, invece di ridurre il trasporto su gomma lo potenziamo dando via libera per costruirne un’altra»?    

E in conclusione arrivano anche le possibili soluzioni:

 

«Si abbia il coraggio  di fare un blocco totale di tutte le autovetture. Si  costringano le ricche assicurazioni a stornare una parte del premio pagato dagli automobilisti che lasceranno a casa le auto, usando il ricavato  per rendere le tariffe dei servizi pubblici più accessibili dando il via al biglietto unico per tutta la giornata al prezzo di un euro e mezzo al giorno».  «Inoltre,  si deve abbandonare il trasporto sui camion e trasferire le merci con i treni. Una scelta difficile, complicata ma che prima o poi dobbiamo fare  a tutto vantaggio della sicurezza e anche della salute».

 

Il Presidente  CODACONS

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.