Alla Tenda Cabrera Winona e gli Undercover Brothers

Condividi su i tuoi canali:

None

UN SABATO SERA CON LA MUSICA DI GIOVANI BAND LOCALI

Il 30 novembre alla Tenda Cabrera (ex Mustard), Winona e gli Undercover Brothers

 

L’ultimo giorno di programmazione di novembre alla Tenda di viale Monte Kosica sarà una serata speciale all’insegna della musica dal vivo e delle band locali.

Sabato 30 novembre alle 21 nella struttura del Comune gestita dall’assessorato alle Politiche giovanili insieme ad alcune  associazioni, si esibiscono tre giovani gruppi. I Cabrera, a metamorfosi ormai avvenuta (lo scorso anno suonavano come Mustard) tornano con uno stile più ricco e canzoni in italiano per celebrare il disco registrato presso lo Iaf di Correggio e pronto a vedere la luce. Oltre a loro saranno, protagonisti della serata Winona, band di Carpi, e in apertura, Undercover Brothers nati a Modena e cresciuti anche all’ombra del Centro Musica. I Winona iniziano a suonare quasi per scherzo nel 2009, quando e da allora alternano costantemente l’attività concertistica alla composizione di nuovi brani e alla registrazione di alcuni bootleg in sala prove e sul palco. Nel maggio 2011 esce il primo Ep della band “”Letargo”” contenente sei tracce inedite e a settembre dello stesso anno registrano il singolo “”Letargo””.

Gli Undercover Brothers nascono nel 2010 a Spezzano e crescono all’ombra del Centro Musica grazie al progetto “Piccole Band Crescono” a cui si iscrivono nel 2012, potendo così seguire il percorso guidato da Alex Class (bassista di Irene Grandi e Bugo) che li spinge a comporre la loro prima canzone. Il brano intitolato “Nolo Scire” (in latino “non voglio sapere”) viene presentato dal gruppo insieme ad alcune cover, al concerto conclusivo del progetto e la giovane band riesce a definire un proprio genere, ispirandosi a gruppi come Queens of the Stone Age, Kyuss ed Alice in Chains.

Per informazioni e aggiornamenti sul programma della Tenda: www.comune.modena.it/latenda  o su facebook (www.facebook.com/latenda), tel. 059 2034808.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati