Alberto e Chiara

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Questo Natale avrà un sapore diverso per le famiglie di Alberto Stasi e di Chiara Poggi, entrambe segnate dalla morte terribile di una giovane e dalla sentenza di condanna per omicidio inflitta al  suo fidanzato.

 

In questo numero non ho voglia di occuparmi di politica, cronaca o costume, vorrei parlare di persone.

Più in particolare di Alberto Stasi, condannato al carcere per l’omicidio di Chiara Poggi dopo ben due assoluzioni.

Ecco, io vorrei fare i miei auguri per un sereno Natale ad Alberto. Nessuno di noi saprà mai se sia realmente colpevole oppure innocente, ma se c’è anche solo il dubbio che possa non aver commesso il fatto a lui va tutta la mia solidarietà.

Poi vorrei rivolgere un augurio anche ai coniugi Poggi, perché senz’altro da quando Chiara non c’è più il Natale ha un sapore diverso, altro, per certi versi alieno. Hanno vissuto tutta la vicenda con una dignità invidiabile. Solo loro sanno cosa pensino esattamente di Stasi, ma credo che il dubbio che attanaglia le coscienze di tutti li colpisca in prima persona.

Infine una augurio speciale a tutte le Chiara Poggi che causa mani note o meno non hanno più avuto modo di festeggiare il Natale con i propri cari.

Buon Natale cari lettori di Bice.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12