Agli appassionati e aspiranti tali

Condividi su i tuoi canali:

Vi proponiamo 2 prossimi appuntamenti con la musica di grandi compositori nella Chiesa di Sant'Agostino il 29 dicembre e il 6 gennaio.

A conclusione delle celebrazioni dei 120 anni della Corale Gioacchino Rossini, sabato 15 dicembre, si è tenuto al Teatro Comunale, intitolato recentemente a Luciano Pavarotti, il  tradizionale concerto di Natale eseguito dalla Corale Gioacchino Rossini e dedicato alla memoria del compianto Maestro.

 

Ecco i prossimi appuntamenti musicali, ad ingresso gratuito, del  29 dicembre e del 6 gennaio. Musiche di sommi compositori come Bach, Haendel, Vivaldi e Mozart.

 

A George Friedric Handel sarà dedicato il concerto che la Corale Luigi Gazzotti eseguirà nella Chiesa di Sant’Agostino, sabato 29 dicembre, alle 21. La XXXV edizione del  tradizionale concerto a cura della Gazzotti si terrà in concomitanza delle celebrazioni per i 300 anni della prima esecuzione in Italia dei Vespri musicati da Haendel. “”Vespri commissionati al noto compositore per celebrare, il 16 luglio 1707, la festa della Madonna del Carmine, occasione festeggiata ogni anno, in quel periodo, con grande sfarzo a Roma, dai carmelitani, sotto la protezione del Cardinale Carlo Colonna”” (1) a cura di Paolo V. Montanari. Il concerto è patrocinato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e da Unicredit Banca.

 

Nel 1707 Haendel si dedicò interamente alla carriera di musicista e decise di venire in Italia per perfezionare i suoi studi musicali, proprio nella patria dell’opera.

A Roma, non potè comporre opere, genere bandito dal papa, ma incontrò qui i più celebri maestri del suo tempo, cioè i maestri dell’Arcadia Corelli, Scarlatti e Pasquini.

Fu formidabile cembalista ed organista; sono rimaste famose le gare di improvvisazioni con Alessandro Scarlatti, figlio di Domenico Scarlatti: al cembalo si divisero gli allori equamente, ma all’organo Scarlatti stesso si dichiarò sconfitto “”nella inedita singolar tenzone””.

I due coetanei divennero amici e quantunque Haendel fosse luterano convinto, si guadagnò la stima di diversi cardinali mecenati per i quali scrisse tante composizioni da camera profane, in genere, sotto forma di cantate, oltre a composizioni di musica sacra tra cui i due oratori La Resurrezione e Il Trionfo del Tempo e del Disinganno.

Il concerto del 29 dicembre inizierà con il salmo 112 – HWV237 Laudate Pueri, concerto spirituale per soprano solo, coro a cinque voci, due oboi ed archi .

Canterà il soprano Roberta Mameli, il mezzosoprano Daniela Pini, il soprano Nadia Endgheben ed il basso Marco Bussi, con il coro Gazzotti ,diretto da Giulia Manicardi. Musica a cura di “”Arte Resoluta Ensemble””. Poi il Salve Regina HWV 241 ed il Dixit Dominus: composizioni con cui il maestro tedesco dimostrò di padroneggiare lo stile italiano, sperimentando inedite soluzioni, prendendo ad esempio le complesse e difficili composizioni di Alessandro Scarlatti.

Note con le quali Haendel dimostrò di padroneggiare il contrappunto, vivificato e sostenuto da una visione drammaturgica dell’intreccio delle voci dove eccelle il potente senso del teatro, sempre vivo nel compositore. Il Dixit Dominus di Haendel ricalca quello di Scarlatti presentato ed eseguito dal Coro Gazzotti nel concerto di Natale 2005.

Al coro, ai solisti vocali ed agli strumentisti sarà richiesto il massimo del virtuosismo sul piano dell’estensione vocale, agilità, articolazione ed intensità espressiva. “”John Eliot Gardiner ha osservato che  il giovane Haendel arrivato di fresco nella terra dei virtuosi, cantanti e strumentisti, volesse sfidare i suoi ospiti spingendoli alle vette della loro tecnica”” (2) Conclude il musicologo Paolo Montanari nella brochure del programma

 

Si terrà poi  sempre nella Chiesa di Sant’Agostino, domenica 6 gennaio, alle 15,30, a conclusione delle festività natalizie, il Concerto per l’anno nuovo, promosso dall’artista Giancarlo Corrado direttore del Centro Studi Ludovico Antonio Muratori e del Circolo degli Artisti di Modena, giunti al cinquantaduesimo anno accademico di attività.

 

Si esibirà l’Ensemble strumentale e corale “”San Francesco da Paola”” di Bagnolo in Piano di Reggio Emilia, nato e costituitosi nel 1995 prendendo il nome dal Patrono della parrocchia raffigurato nella pala dominante il presbiterio della chiesa. 

Soprano: Sara Fornaciari, al flauto Marta Bizzarri.

Un coro diretto da Primo Iotti, diplomato in organo e composizione organistica, musica corale e direzione di coro presso il consevatorio G.B. Martini di Bologna; è vicepresidente dell’Associazione Italiana Organisti di Chiesa.

Programma intenso, con un occhio di p
redilezione per i compositori italiani.

 

Sarà infatti eseguito il Gloria in excelsis, Laudamus Te, Domine Deus, Domine Fili, Cum Sancto Spiritu tratti dal Gloria RV 589 per soprano, coro ed orchestra, composto da Antonio Vivaldi (1678-1741).

 

Il Magnificat in sol minore di Giovan Battista Martini (1706-1784) ed il concerto in sol minore per flauto ed archi composto da Tomaso Albinoni (1671-1751). Immancabile l’ Adeste Fideles composto da un anonimo portoghese.

 

Il Cantique de Noel per soprano ed orchestra di Adolphe Adam (1803-1856).

 

La notte limpida di Francois Couperin,

Tu scendi dalle stelle di Alfonso Maria de’ Liguori,

Astro del ciel di Franz Gruber ed il brano tradizionale Nella notte di Giudea, un medley per coro ed orchestra.

 

Infine il Laudate Dominum e l’Halleluja tratto dal Messia per coro ed orchestra di Georg Friedric Haendel.

 

Un eccellente viatico per salutare il 2007 ed andare incontro al 2008.

 

In Sant’Agostino sarà inoltre esposta fino al 6 gennaio, la tela ispirata alla Natività dipinta da Gian il Camponese sempre sullo sfondo di un paesaggio agreste e fiabesco, cifra stilistica dell’artista.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Come ti liquido la Slepoj !”

La prematura scomparsa della psicologa, scrittrice, giornalista Vera Slepoj, ha destato sorpresa e cordoglio ma c’è anche chi l’ha citata solo per il giudizio negativo

I Lions a favore del volontariato

A conclusione dell’anno lionistico 2023/2024, il Lions Club Modena Estense, congiuntamente al Lions Modena Romanica, hanno erogato un contributo di Euro 8.000,00 a favore della