afghanistan, anci modenese e upi regionale “”sindaci pronti a fornire accoglienza ai rifugiati””

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

I sindaci modenesi sono pronti a dare accoglienza ai cittadini afghani che cercano rifugio e protezione dalla violenza. Lo affermano Gian Domenico Tomei, presidente della Provincia di Modena e dell’Unione delle Province (Upi) dell’Emilia Romagna, e Roberto Solomita, delegato modenese dell’Anci e sindaco di Soliera.

«Nell’ambito delle iniziative che assumerà il Governo – affermano Tomei e Solomita – i sindaci modenesi faranno la loro parte per sostenere i rifugiati, soprattutto i cittadini e funzionari che hanno lavorato con le delegazioni italiane e che ora temono ritorsioni, poi le donne afghane, le attiviste e le funzionarie che hanno collaborato con i paesi occidentali per dare un futuro al proprio paese e che ora si sentono abbandonate».

Per Tomei e Solomita «dopo l’uscita dei contingenti occidentali dal paese, non possiamo lasciare soli proprio quei cittadini e cittadine che confidavano in una prospettiva diversa per l’Afghanistan che ora sembra così lontana. E’ dovere della comunità internazionale non voltare loro le spalle e l’Italia saprà dimostrare ancora una volta che la solidarietà e il senso di umanità appartengono al sentire comune dei cittadini, un sentimento che i sindaci vogliono interpretare».

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere