ACCOLTELLAMENTO SUL BUS DELLA LINEA 820

Condividi su i tuoi canali:

ACCOLTELLAMENTO SUL BUS DELLA LINEA 820: SETA CONDANNA L’EPISODIO ED ESPRIME PIENA SOLIDARIETA’ AI PASSEGGERI COINVOLTI LORO MALGRADO. GIA’ CONSEGNATE ALLE FORZE DELL’ORDINE LE IMMAGINI DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DI BORDO

MODENA, 17 GENNAIO 2024 – SETA esprime la più ferma condanna per il grave ed ingiustificabile episodio di violenza avvenuto questo pomeriggio alle ore 14:30 circa in Largo A. Moro a Modena, su un mezzo che era appena partito dall’Autostazione e stava prestando servizio sulla linea extraurbana 820 Modena-Maranello-Serramazzoni-Pavullo.

Dopo la partenza il mezzo aveva percorso solo poche centinaia di metri: stava percorrendo viale Molza quando a bordo si è scatenato il panico tra i passeggeri (circa 50 persone, perlopiù studenti che facevano rientro a casa dopo la giornata di scuola), a causa di accoltellamento avvenuto tra due giovani che occupavano le ultime file del bus. L’autista, vista la situazione di potenziale pericolo, ha immediatamente interrotto la corsa ed ha aperto le porte del mezzo per far scendere in sicurezza i passeggeri, quindi ha contattato la sala operativa di SETA che ha immediatamente richiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine e del servizio 118.

SETA manifesta la più completa solidarietà a tutti i passeggeri coinvolti, loro malgrado, nell’episodio e ringrazia per il tempestivo intervento effettuato gli agenti della Polizia Locale ed il personale sanitario. Un ringraziamento ed un plauso vanno anche all’autista, per essere intervenuto con tempestività e professionalità a tutela della sicurezza dei passeggeri.

L’episodio ha comportato il prolungato fermo del mezzo; la corsa della linea 820 è ripresa dopo circa 30 minuti grazie ad un mezzo sostitutivo fatto arrivare dal deposito aziendale di Strada Sant’Anna.

SETA si riserva di adottare ogni eventuale azione a tutela degli utenti e del proprio personale, con particolare riferimento al reato di interruzione di pubblico servizio di cui all’art.340 C.P.

La dinamica dei fatti e – soprattutto – l’identità dei soggetti responsabili potranno essere accertate grazie alle immagini del sistema di videosorveglianza di cui è dotato l’autobus, che sono già state messe a disposizione delle Forze dell’Ordine per le opportune procedure di indagine.

Roberto Pivetti

Ufficio Stampa SETA

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa