A Spezzano l’Hospice del distretto

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Una delibera di Giunta avvia l’iter urbanistico

 

La Giunta Comunale di Fiorano Modenese ha approvato, in base all’art. 18 previsto dalle norme regionali in tema di pianificazione urbanistica, l’accordo con i privati per la realizzazione di un nuovo polo socio-assistenziale che sorgerà a Spezzano, a sud della Via Motta, nella zona del nuovo polo scolastico. Si tratta dell’Hospice per malati terminali del quale si parla da più di un decennio e alla cui realizzazione concorreranno i Comuni del Distretto Ceramico con l’Asl di Modena per una struttura che servirà l’intera area sud della provincia.

Era ormai inderogabile la necessità di un Hospice per il ricovero e la degenza dei malati che necessitano di cure palliative, quale  ambiente di assistenza  più adatto quando il malato necessita di cure che non possono più essere erogate al domicilio, quando l’impegno assistenziale diventa troppo difficile e gravoso per  la famiglia, quando la sintomatologia correlata alla malattia risulta di difficile gestione a casa, oppure quando il malato vive in condizione abitative inadeguate e con scarsi aiuti familiari. In questi casi il malato può essere indirizzato all’hospice,  anche solo per un ricovero temporaneo  e/o di sollievo per i familiari.

“La creazione di un Hospice è un impegno di legislatura assunto da Fiorano e da tutti i comuni del distretto, spinti dall’impegno delle associazioni Amici Per La Vita e Per Vincere Domani, a fianco dei malati terminali e delle loro famiglie – dice il sindaco Francesco Tosi – Il malato inguaribile non può ottenere salute ma ha il diritto di chiedere qualità di vita. L’Hospice non è il luogo nel quale si va a morire, ma il luogo ove trascorrere nel modo più sereno possibile, con le proprie cose e i propri famigliari, tutta la vita che rimane da vivere. Con questo art. 18 avviamo la realizzazione della struttura, un atto dovuto e non più rinviabile”.

L’area viene messa a disposizione grazie a un accordo con il proprietario della Villa Menotti, per favorire i seguenti obiettivi: acquisizione al patrimonio pubblico di un area di 15.000 ì funzionale alla realizzazione di una struttura socio-assistenziale; recupero edilizio dell’edificio storico “Villa Menotti”; riorganizzazione della viabilità, in forma coordinata con l’attuazione del nuovo polo scolastico di cui si prevede la localizzazione nei terreni contermini, in modo da poter realizzare un’alternativa a via Motta nella sua intersezione con via Nirano;  ampliamento del già previsto comparto residenziale con caratteristiche orientate alla bio-architettura e alla riduzione dell’impatto ambientale.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati