A Maranello e Prignano strade provinciali chiuse per frana

Condividi su i tuoi canali:

None

A Maranello e Prignano restano chiuse sp 41 e sp 21

frane ancora in movimento, in corso le verifiche

 

A Maranello resta chiusa la strada provinciale 41 nel tratto tra Torre Maina e Puianello, interrotta dalla mattina di venerdì 27 marzo a causa di una frana. Dalle verifiche dei tecnici del servizio provinciale Viabilità è emersa una situazione particolarmente complicata visto che la strada, nel tratto danneggiato, percorre un crinale che ha ceduto da entrambi i versanti, provocando gravi danni al fondo stradale.

Il movimento franoso, che si era messo in movimento dalla nevicata del 6 febbraio e sul quale la Provincia era intervenuta ripetutamente per tenere aperta la strada, si è aggravato ulteriormente con il maltempo di queste ultime ore ed è tuttora in movimento; l’arteria, quindi, resta chiusa anche nei prossimi giorni in vista di un intervento di ripristino non appena le condizioni meteo e del versante lo consentiranno.

Situazione analoga a Prignano dove resta chiuso il tratto della strada provinciale 21 compreso tra l’incrocio con la strada provinciale 23 fondovalle Rossenna e Prignano a causa di un movimento franoso che ha provocato un cedimento della carreggiata.

Dopo un primo intervento effettuato giovedì 26 marzo la situazione si è aggravata in quanto la frana è tuttora in movimento. Anche in questo caso la strada resta chiusa in attesa di un assestamento del versante e per completare tutte le verifiche tecniche per programmare un intervento urgente.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo