A Fiorano torna FilosoFare!

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Appuntamento mercoledì 27 aprile al BLA

Mercoledì 27 aprile, presso la Biblioteca comunale Paolo Monelli (BLA) in via Silvio Pellico 9, torna “FilosoFare – Filosofia con i bambini”. Si tratta di un doppio incontro, a cura di Alessia Pasquali (Associazione Amica Sofia), dove i più piccoli vengono accostati in modo giocoso e divertente ai temi filosofici.

Ecco il programma. Alle ore 16.00 laboratorio per bambini dai 7 ai10 anni intitolato “Ma dove hai la testa?”. Capita spesso di trovarci fermi in un posto, con la testa sulle spalle, ma di sentirla come se fosse da un’altra parte… o che qualcuno, osservandoci, ci dica “Ma dove hai la testa”? In questo laboratorio, indagheremo insieme dove può andare la nostra testa e curioseremo nelle teste altrui, scoprendo i pensieri, le emozioni, i sentimenti e gli stati d’animo che le abitano e che, a volte, le portano in viaggio.

Alle ore 17.15 invece, laboratorio per bambini dai 4 ai 6 anni dal titolo “Piccoli inventori”. Come nasce un’idea? Come possiamo coltivarla, farla crescere, proteggerla o condividerla? E perché ha senso farlo? In questo laboratorio, esploreremo il mondo delle idee, osservando come hanno origine e come si possono realizzare, per imparare a dare valore alle nostre intuizioni e a prendersene cura, da soli e con gli altri.

L’ingresso è gratuito, con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti. Per info e iscrizioni: biblioteca@fiorano.it oppure 0536/833403. L’iniziativa è organizzata dalla Fondazione Collegio San Carlo e sostenuta da Fondazione Modena.

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gentilezza mal ripagata

Un gesto  di gentilezza, tenere aperto il portone  d’entrata del palazzo a chi segue … Le persone  educate lo compiono quasi automaticamente, non lascerebbero mai

Olimpiadi ma non in pace

Quando nell’antichità si svolgevano  le Olimpiadi, le guerre erano sospese da una tregua e quando Pierre de Coubertin volle riproporle nel mondo che si avviava