8 marzo, mimose di solidarietà e contro la violenza alle donne

Condividi su i tuoi canali:

None

Mimose  di solidarietà per la festa dell’8 marzo celebrata da CGIL CISL UIL di  Modena.  I  coordinamenti  femminili  dei  sindacati  confederali e dei sindacati  pensionati,  rinnovano  per  la  Festa  della Donna 2007 l’ormai tradizionale  distribuzione  di  mazzetti  mimosa  alle donne sui luoghi di lavoro e alle pensionate di Modena e provincia. I  mazzetti  di  mimose  saranno accompagnati da un segnalibro ‘La violenza contro  le  donne  è un crimine, non un affare privato’ per dare continuità alle  iniziative già intraprese in occasione della giornata mondiale contro la  violenza  alle  donne  (25 novembre) e contribuire a rompere il muro di silenzio che circonda questo tragico fenomeno, il più delle volte consumato fra le mura domestiche.

Le  mimose  saranno  distribuite a offerta libera e il ricavato destinato a progetti di solidarietà sociale al femminile.

La  CGIL,  che  ha  incentrato  le  iniziative  del  proprio  Coordinamento femminile  sul  2007  a  progetti  di  contrasto  alla violenza alle donne, intende  destinare  il  ricavato  delle  offerte a sostegno di un centro di accoglienza  di  ragazze  di  strada in Brasile. Il centro a Rio de Janeiro accoglie  giovani donne che hanno subito violenza e donne sole in attesa di partorire.

La CISL, impegnata in un progetto di solidarietà a favore della popolazione del  Ghana,  sostiene  l’attività di una cooperativa di agricoltori ghanesi attraverso  l’acquisto  dei  loro  prodotti,  in  particolare di ananas. In questo modo si favorisce anche l’occupazione locale.

 

In  vista  dell’8  Marzo  2007  la CISL di Modena, insieme al coordinamento femminile, acquista ananas prodotti da questa cooperativa ghanese e propone alle  categorie  CISL  di  regalarli  alle delegate e iscritte al posto del consueto gadget.

 

La  UIL devolve invece le offerte della mimosa a interventi per contrastare le  violenze  che  subiscono  i minori in zone di conflitto nell’ambito del progetto Aidos, l’Associazione italiana donne per lo sviluppo.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa