6 novembre la festa dell’Unità d’Italia, delle Forze Armate e del Combattente.

Condividi su i tuoi canali:

None

 

LE CELEBRAZIONI DEL 4 NOVEMBRE

Il programma di sabato 5 e domenica 6 novembre per la Festa dell’Unità d’Italia, delle Forze Armate e del Combattente

 

 

L’Amministrazione comunale, in collaborazione con le Associazioni Partigiane e la Confederazione delle Associazioni Combattentistiche e con il Coro Formiginese, organizza la Festa dell’Unità d’Italia, delle Forze Armate e del Combattente, rinnovando ai caduti di tutte le guerre riconoscenza e riaffermando un sincero auspicio di pace duratura per tutti i popoli.  

Le iniziative prendono il via sabato prossimo 5 novembre alle 16.30 nella sala consiliare del Castello con la conferenza del prof. Matteo Pagliani dal titolo “1914/2016: la Grande Guerra e i conflitti del mondo contemporaneo”, a cura dell’Università Popolare di Formigine (ingresso libero).

Il programma istituzionale di domenica prossima 6 novembre prevede, invece, il ritrovo alle 10.15 nel Castello; alle 10.30 l’inizio ufficiale delle celebrazioni con l’alzabandiera, la deposizione della corona d’alloro sulla lapide della Torre Civica  e l’intervento del Sindaco Maria Costi al quale seguirà l’Inno d’Italia cantato dal Coro Formiginese. A seguire, corteo verso piazza della Repubblica e deposizione della corona d’alloro sul Monumento ai Caduti. Alle 11.30 celebrazione della S. Messa nella Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo.

Nel pomeriggio alle 16.30, il Museo del Castello propone una speciale visita guidata ad ingresso gratuito sulla Grande Guerra e sui luoghi della memoria nel centro storico formiginese, con prenotazione consigliata. Per informazioni, Servizio Cultura (fino a venerdì dalle 9 alle 13, tel. 059 416373-244; Castello tel. 059 416145, www.visitformigine.it).

 

 

 


 

grande guerra.jpg (372 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria