“500 Milioni di euro per ammazzare il Bel Paese……..Forza Italia..”

Condividi su i tuoi canali:

Anche questa settimana Emilio Salemme non rinuncia ad evidenziare nuovi rischi per l’ambiente che, a suo dire, hanno ormai oltrepassato tutti i limiti di guardia. Un appello per un nuovo Rinascimento

“500 Milioni di euro per ammazzare il Bel Paese……..Forza Italia..

 

Anche questa settimana Emilio Salemme non rinuncia ad evidenziare nuovi rischi per l’ambiente che, a suo dire, hanno ormai oltrepassato tutti i limiti di guardia. Un appello per un nuovo Rinascimento

 

Lei  Presidente Salemme commenta le scelte governative per superare la crisi con un grido d’allarme “500 Milioni di euro per ammazzare il Bel Paese……..Forza Italia..”

Può chiarire   meglio a chi la legge  cosa vuole dimostrare ?

 

Con un colpo grosso e unico il Governo soddisfa tutte le Municipalità di Italia. I Sitta d’Italia……..L’ imponente piano da 500milioni di euro è una panacea per le amministrazioni di destra, di centro e di sinistra!

Dopo due condoni varati nel 1994 e nel 2003 arriva deregulation strutturale, si poteva e si doveva utilizzare l’ occasione per rilanciare l’ edilizia bioclimatica, sulla manutenzione del patrimonio edilizio e sul recupero dei centri storici.

 

Perché non sarà così? Cosa è che non le torna?

 

Invece di una opportunità il mattone diventerà una trappola. Un ‘ ottima occasione anche per le compagnie immobiliari che potrebbero cacciare gli inquilini dalle case . Si rinuncia ignobilmente all’ innovazione e all’ estetica puntando ancora sul degrado ambientale e culturale di un Paese che ha una storia antica. Il 20 giugno 1909 fu adottata la legge n° 364 ( tutela delle antichità e le belle arti) per arrivare al Regio Decreto n° 363 del 30 gennaio 1913, mantenuto ancora in vigore dal Decreto Legislativo n°42/2004 ( Codice dei Beni Ambientali Culturali e del Paesaggio). Un ampia legislazione che dal 1802 ad oggi puntava alla tutela del patrimonio storico-artistico-culturale e del paesaggio di un Paese meraviglioso costruito nei secoli con attenzione ingegno.

 

D’accordo Salemme buone leggi di altri tempi, ottime parole le sue, ma bisogna sapere guardare anche alla realtà di oggi….

 

La realtà di oggi è questa: Nel territorio provinciale modenese ci sono oltre 50.000 abitazioni vuote, 236 aree industriali divise in 47 Comuni e col PTCP ( Piano territoriale di coordinamento provinciale) hanno anticipato la scelta governativa aumentando aree industriali e numero di abitazioni.

 

E allora con questo cosa dimostra?

 

Calerà il valore degli immobili esistenti, i cavatori saranno soddisfatti e così potranno ultimare lo scempio di fiumi e torrenti……

 

Lei quando denuncia queste derive  è la classica “voce che grida nel deserto” o è un riconosciuto portavoce di un comune sentire? Lei ha in mente un percorso politico  che argini questo scempio?

 

E’ necessario un nuovo Rinascimento per ricostruire un Paese ottenebrato dal delirio del mattone.

Le Popolazioni subiscono le scelte di pianificazione fatte dall’ alto e rivendicano di potere dire la loro. La partecipazione è prevista nelle dinamiche dello Sviluppo Sostenibile da Kyoto alla Carta di Firenze.

 

Questi “rinascimentali”  se ho ben capito non si trovano  tutti a destra o tutti a sinistra, ma  comunque non sono n grado di  aggregare attorno a loro un significativi movimento di popolo capace di dare sostanza a queste proteste. Sbaglio?

 

Penso che le persone debbano partecipare alle scelte delle proprie municipalità anche con Liste Civiche, di quartiere, di Circoscrizione,pensa che l’ informazione di quello che realmente succede possa aiutare meglio tutti .

 

Lei ha affermato saranno necessari i “” Gladiatori”” ambientalisti a tutela del futuro, dell’ aria, dell’ acqua e del paesaggio.

I Gladiatori presuppongono lotte cruente! Non teme che “il denaro” “il profitto” “ il ritorno in benefici concreti portati dal “mattone” saranno preferiti dai modenesi alla lotta che lei propone?

 

I “”Gladiatori””, fra virgolette sono i resistenti che dovranno, nel rispetto delle Leggi riaffermare il Diritto di partecipazione. In Italia e anche nel territorio modenese, sono decine i Comitati di Cittadini che vogliono dire la loro. Non ci saranno lotte cruente da parte degli Ambientalisti, chediamo il rispetto delle Leggi e norme vigenti. Ricordo il capannone della Chiesa di Portile bloccato con l’ applicazione del Codice di Tutelae architettonica; D.LGS 42/04, lo stesso usato per il bosco che volevano tagliare alla Piane di Mocogno de anni fa. Il denaro non è necessariamente il mezzo per fare la felicità delle persone quando poi queste si ammalano perchè l’ aria, l’acqua, il cibo, sono inquinati!

Insomma persone dotate di attributi!

 

Concretamente, anche in vista della prossime elezioni amministrative ha in mente qualche cosa di specifico?

 

Penso che le prossime amministrative daranno voce agli inascoltati.

 

Ringraziamo Emilio Salemme Presidente della Consulta per la Tutela Ambientale per l’attenzione prestata

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex