25° MATILDE DAY Con Hewo Modena e l’Hotel Mazzieri

Condividi su i tuoi canali:

None

 

E’ festa d’argento quest’anno per il Mazzieri Day, pranzo di solidarietà giunto alla 25° edizione, sempre il primo maggio e sempre alle Piane di Mocogno, dove la famiglia Mazzieri mette a disposizione i locali e si mette a disposizione insieme ai suoi dipendenti, in memoria di Mamma Matilde, per aiutare Hewo Modena a raccogliere i fondi, destinati al sostegno alimentare di ammalati e bambini della scuola materna nelle comunità Hewo dell’Etiopia.

Tutto il ricavato arriverà a destinazione in ‘tempo reale’ perché, dopo il doppio container partito nei giorni scorsi con un’ambulanza donata dall’AVPA di Lama Mocogno in ricordo di Ermes Ruggi e molti altri aiuti per l’ospedale e per i progetti sociali (agricoltura e laboratorio di maglieria), il 10 maggio partirà anche una missione di volontari Hewo guidata da Giancarlo Bertacchini.

L’appuntamento è dunque il primo maggio, alle Piane di Mocogno, all’hotel ristorante Mazzieri, alle 11.30 per lo spuntino di benvenuto; alle 12,30 si fa ingresso nel salone museo, con l’aperitivo e una breve testimonianza da parte dei volontari Hewo; alle ore 13.15 inizia il pranzo.

Le prenotazioni devono arrivare entro il 25 aprile telefonando alla famiglia Mazzieri, a Piera e Giancarlo (0536.94.53.35), a Margherita (0536.45.256).

Piane di Mocogno 22 aprile 2019

 


 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria