25 APRILE, LO SPI CGIL PRESENTA IL PROGETTO “MEMORIALE DELLA RESISTENZA MODENESE”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Per il 25 Aprile, Festa della Liberazione, lo Spi Cgil di Modena insieme all’Anpi e all’Istituto Storico, propone la presentazione del Progetto di “Memoriale della Resistenza Modenese” che avrà luogo domani sabato 24 aprile alle ore 18.30 in diretta Facebook sulla pagina dell’Anpi di Modena.

Si tratta della presentazione del progetto di raccolta di foto, documentazione e testimonianze video inediti sui protagonisti della lotta di Liberazione a Modena e provincia e di chi ha vissuto al loro fianco in famiglia.

 

Causa pandemia da covid l’iniziativa sarà solo on line, “ma siamo convinti – afferma Alfredo Sgarbi segretario Spi Cgil Modena – che sia comunque utile a mantenere viva la memoria e il ricordo di chi ha combattuto per la Libertà e la Democrazia”. Il progetto ha l’obiettivo di ricordare e conservare la memoria e la documentazione di quel tragico, ma anche epico periodo storico. Riccardo Masetti dello Spi Cgil presenterà la parte relativa agli Internati Militari Italiani che dopo l’8 settembre 1943 rifiutando di arruolarsi nell’esercito della Repubblica sociale italiana o in quello nazista, misero in atto una delle prime forme di resistenza.

Federica Pinelli
Ufficio Stampa CGIL Modena
piazza Cittadella, 36 – 41123 Modena
+39.059.326290-1  fax +39.059211774
federica.pinelli@er.cgil.it
www.cgilmodena.it
Facebook : @cgil.modena
Twitter : @CGILModena

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria