13° Edizione “SUONI ENTRO LE MURA” , Vignola

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Domenica 13 novembre 2016 – ore 16:30

Sala dei Leoni e dei Leopardi Rocca di Vignola  secondo appuntamento della tredicesima edizione del ciclo “SUONI ENTRO LE MURA” , organizzato dal “Circolo Musicale G.Bononcini” di Vignola, con la collaborazione di “Amici dell’Arte-Vignola-” e del pittore Domenico Simonini

       A oriente del sole,
    a occidente della luna

 

Valentina Medici, soprano
Marco Bedetti, pianoforte

 

E. Grieg,  Vektersang (Canto della guardia) da Pezzi lirici

J. Sibelius, Luonnotar op. 70

E. Grieg: Secret (Segreto) da Pezzi Lirici

 

Espone Bruno Ritter

 

Il titolo del concerto, tratto da una delle più belle fiabe popolari norvegesi, suggerisce scherzosamente le coordinate per orientarsi in una sorta di dimensione fantastica, al confine tra sogno e realtà, tra mito e poesia.

In questa dimensione, evocata dal connubio di voce e pianoforte, l’ascoltatore è invitato ad avventurarsi e, perché no, a perdersi e infine ritrovarsi, guidato dal filo rosso della musica.

Folklore e natura si fondono perfettamente nelle opere dei compositori romantici dell’estremo nord e sono la chiave di lettura per comprendere un mondo così distante dalla nostra sensibilità mediterranea, eppure così affascinante.

La creatività del poetico Edvard Grieg  fa da specchio a un microcosmo incantato, popolato da splendidi elfi, spiriti crudeli e grotteschi troll, mentre il ‘barbaro’ finlandese Jean Sibelius evoca le potenze della natura per sondare i misteri della creazione del mondo.

Su tutto, domina la figura elegante del cigno, animale simbolo del nord, emblema del canto e protagonista di uno dei brani più suggestivi di Grieg, che ne fa una potente immagine della

Vera Arte.

Programma

E. Grieg,  Vektersang (Canto della guardia) da Pezzi lirici

 Ich liebe dich (Ti amo)

Grüß (Saluto)

Die verschwiegene Nachtigall (L’usignolo silenzioso)

 Solveigs Sang (La canzone di Solveig)

  Vanished days (giorni svaniti) da Pezzi Lirici

J. Sibelius, Luonnotar op. 70

E. Grieg: Secret (Segreto) da Pezzi Lirici

En svane (Un cigno)

 Stambogsrim (Righe d’album)

 Ein Traum (Un sogno)

Bis: Med en vandlilje (A una ninfea)

Valentina Medici (Soprano)

Nata a Sassuolo (Modena) nel 1978, consegue la maturità classica a indirizzo linguistico nel 1997.

Intrapreso in giovane età lo studio del pianoforte, vi affianca in seguito quello del canto lirico che la porta a diplomarsi in qualità di soprano, nel 2009, presso il Conservatorio G. B. Martini di Bologna, dove frequenta anche il corso inferiore di composizione. 

Partecipa a diverse Masterclass, approfondendo il repertorio barocco col Soprano Angela Bucci e il Mezzosoprano Gloria Banditelli e quello operistico col M° William Matteuzzi. Recentemente ha inoltre preso parte alle Masterclass tenute dal soprano russo Tamara Novichenko, docente presso il conservatorio di San Pietroburgo e alle Masterclass di musica da camera del Mº Vincent Aguettant.

Come interprete, muove i primi passi nella sua città natale, dove debutta nel 2003 come solista nello “Stabat Mater” di Giovan Battista Pergolesi, diretta dal M° Stefano Seghedoni.

Negli anni seguenti si esibisce con vari ensemble di musica antica e contemporanea di Bologna, città nella quale tiene numerosi concerti come solista.

Collabora stabilmente con il Duo ‘Concerto Italiano’ partecipando a numerose rassegne musicali in tutta Italia e si esibisce regolarmente in duo con il pianista Marco Bedetti, affrontando un repertorio che spazia dal lied tedesco alla mélodie française, dall’aria d’opera alla musica del Novecento storico.

Nel 2011 e nel 2013 è stata soprano solista nelle ‘Laudes Evangelii’ di Valentino Bucchi e nella ‘Petite messe solennelle’ di G. Rossini a fianco della Corale Puccini di Sassuolo diretta dal M° Francesco Saguatti.

Nel corso del 2014 e del 2015 presta la sua voce a musiche da camera inedite di giovani compositori emergenti al fianco di ‘AltreVoci Ensemble’, tenendo concerti a Roma, Spoleto e in altre importanti città italiane. Con lo stesso ensemble si esibisce anche a Modena in occasione del Festival della Filosofia 2015.

Il 2015 vede il suo debutto teatrale nell’opera di Viktor Ullmann ‘Der kaiser von Atlantis’ al Teatro Rosetum di Milano, nel ruolo di Bubikopf, e, sempre a Milano, ha l’occasione di esibirsi nel contesto di EXPO 2015.

In occasione del centocinquantesimo anniversario della nascita del compositore Jean Sibelius, ha tenuto un recital con musiche dello stesso Sibelius e di Edvard Grieg al Circolo Culturale Alberione di Modena.

Dal 2006 è soprano solista nei concerti del Corpo Bandistico ‘La Beneficenza’ di Sassuolo diretta dal Maestro Neldo Lodi.

 

Marco Bedetti (pianofort

Compie gli studi musicali presso il Conservatorio Vecchi-Tonelli di Modena sotto la guida della professoressa Enza Iori, diplomandosi in pianoforte nel 2004 con il massimo dei voti e la lode.

Nel 2008 consegue il diploma in composizione sotto la guida di Antonio Giacometti.

È stato premiato in diversi concorsi nazionali e internazionali di pianoforte, ai quali partecipa sia come solista che in ensemble.

Ha all’attivo numerose collaborazioni con diverse formazioni musicali tra cui l’orchestra sinfonica Cantieri d’Arte diretta dal Mº Giaroli, la compagnia d’operetta Abbati e l’A.d.M. Ensemble.

È tra i soci fondatori di Altrevoci Ensemble, col quale tiene concerti in varie città italiane presentando un repertorio che spazia dalla musica contemporanea e d’avanguardia a brani inediti di compositori emergenti.

Si esibisce regolarmente in recital liederistici col soprano Valentina Medici.

Prende parte all
a realizzazione di dischi quali  ‘Blackula – back from mistery city’ (di Andrea Bellentani e Marco “”Simon”” Maccari) ‘Vivi per niente’ e ‘Incisioni’ con l’attore/cantante Danio Manfredini, al fianco del quale si esibisce nelle 12 recite dello spettacolo omonimo con debutto al Teatro Parenti di Milano il 1º Ottobre 2012.

Svolge attività didattica presso varie scuole tra cui il Circolo musicale Bononcini di Vignola ed è accompagnatore della Corale Puccini Junior.

 

* * *

 

BRUNO RITTER (pittore)

Nasce a Cham nel 1951 nel cantone Zugo in Svizzera, nel 1975 si diploma alla scuola d’Arte HFG di Zurigo dove per anni insegna in diverse scuole superiori, nel 1982 si trasferisce a Canete, frazione di Villa di Chiavenna. In questi anni produce diverse cartelle di incisione e un cospicuo numero di disegni. Nel 1989 risiede a Chiavenna, lavora nella sua valle preferita e su invito organizza una mostra personale al Museo d’Arte “”Allerheiligen”” a Sciaffusa. Nel 1994 dopo il matrimonio, si trasferisce a Maloja e lavora nel suo atelier nel Castello di Chiavenna. Fa parte del gruppo Città e Campagna, numerose sono le esposizioni; in Italia, Austria, Svizzera e Germania, riceve importanti premi e riconoscimenti da critici e scrittori italiani, svizzeri e tedeschi. Ciò che colpisce del viaggio umano ed artistico di Ritter è la costante e ossessionata tensione nell’indagare le azioni e l’immobilità del tempo che, trascorrendo inesorabilmente, corrode l’uomo e al contempo lascia immutati quei silenzi montani costituiti da rocce, nevi, cieli e consuetudini umane comuni in tutte le vallate del mondo a cui egli appartiene. (da Andrea Vitali) 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Razzismo, vittimismo, protagonismo

Così come nulla impedisce al sole di sorgere, nulla impedisce che a febbraio  si  rinnovi l’appuntamento  con il  Festival di Sanremo. Soltanto un extraterrestre potrebbe

Acutil

Ricordo che mia madre mi faceva assumere questo medicinale, citato nel titolo, durante il periodo scolastico (ai miei tempi non si chiamava integratore) per favorire